rotate-mobile
Calcio

Il nuovo gioiello del Pescara si chiama Emanuele Troiano. A luglio andrà al Milan

Il giovane e talentuoso calciatore, classe 2010, cresciuto in biancazzurro, ha firmato col Delfino ma in estate andrà via

Gli addetti ai lavori dicono che nel settore giovanile del Pescara un talento così non lo si vedeva dall'epoca di Marco Verratti. Anche se il ruolo è diverso e dunque non si possono fare paragoni Ma, a differenza di quanto avvenne col Gufetto di Manoppello, il Delfino non avrà modo di vederlo in prima squadra, perchè in estate traslocherà in Serie A seguendo le orme dei vari Diego Ripani, passato alla Juve, Lorenzo Romani, trasferitosi alla Fiorentina, Lorenzo Peschetola, ceduto all'Inter, e tanti altri. Il nuovo gioiello biancazzurro si chiama Emanuele Troiano, è classe 2010 ed ha dunque 14 anni, e nonostante si sia appena legato al Delfino con un biennale in estate quasi sicuramente si trasferirà al Milan. La trattativa è entrata nelle battute finali, sul promettente giocatore - difensore centrale di ruolo - si erano mossi anche la Juventus, l’Inter ed altri club importanti, ma il club rossonero sembra aver definitivamente messo la freccia e superato la concorrenza, assicurandosi un elemento che gli esperti reputano al momento uno dei migliori difensori italiani nati nel 2010, se non addirittura il migliore in assoluto della sua annata.

Un altro gioiello del settore giovanile del Pescara è dunque in rampa di lancio e il suo futuro trasferimento segue da vicinissimo quello di Emmanuel Casciano , centrocampista classe 2006 ed ex capitano della Primavera biancazzurra, al Lecce, consumatosi lo scorso gennaio. 

Troiano è originario di Picciano ed è entrato nel vivaio del Pescara nel 2019, dopo aver svolto il camp estivo a Castel di Sangro. In quel periodo temporaneamente la famiglia si era trasferita a San Benedetto del Tronto per motivi di lavoro ed Emanuele giocava nella Sambenedettese e quindi i primi anni di militanza in maglia biancazzurra li ha vissuti da pendolare, prima del ritorno a Picciano. Al momento ha collezionato in totale cinque campionati nel Delfino (2 nella categoria Pulcini, 2 negli Esordienti e uno, nella stagione in corso, in Under 14). Ma avendo buoni mezzi tecnici di base (è assai elegante nelle movenze) ed essendo dotato oittima struttura fisica (184 centimetri di altezza), cosa che lo rende particolarmente abile in marcatura e nel gioco aereo, il nuovo Golden Boy biancazzurro è stato impiegato anche sotto età nella formazione Under 15. Nei giorni scorsi il ragazzo ha firmato il tesseramento con il Pescara fino al 2026, prelusio però all'addio.

Ma quanto incasserà il Delfino dalla probabile cessione immediata di questo interessantissimo prospetto? Sarà la futura carriera di Troiano a stabilirlo. Oltre alla consueta percentuale sull’eventuale futura rivendita, infatti, l’accordo che verrà perfezionato nelle prossime settimane, salvo colpi di scena, prevederà vari bonus relativi al rendimento (eventuale esordio in A, o in Primavera, o chiamate nelle varie nezionali di categoria etc etc) del ragazzo. Dunque, Il settore giovanile biancazzurro, ora guidato da Angelo Londrillo, continua a sfornare talenti importanti che rappresentano un capitale tecnico ed economico per il sodalizio adriatico. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il nuovo gioiello del Pescara si chiama Emanuele Troiano. A luglio andrà al Milan

IlPescara è in caricamento