Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Inchiesta Ato Pescara: chiesto rinvio a giudizio per 15 persone

Per quindici persone, fra cui il sindaco di Pianella D'Ambrosio, l'ex sindaco di Francavilla Angelucci e il sindaco di Montesilvano Cordoma, la Procura di Pescara ha chiesto il rinvio a giudizio nell'inchiesta ATO

La Procura di Pescara ha chiesto il rinvio a giudizio di 15 persone, fra cui il sindaco di Pianella ed ex presidente dell'Ato D'Ambrosio, Pasquale Cordoma (sindaco di Montesilvano) e Roberto Angelucci (ex sindaco di Francavilla), nell'ambito dell'inchiesta sul cosiddetto "partito dell'acqua" riguardante l'Ato 4 pescarese.

L'accusa è di aver utilizzato per fini personali o di partito fondi dell'Ato, l'azienda pubblica per la gestione dell'acqua nel pescarese e chietino. I fatti risalgono al periodo fra il 2003 e 2007.

Fra le accuse rivolte a D'Ambrosio, quella di aver utilizzato autista e vettura aziendale per viaggi personali, aver pagato cene private con soldi pubblici e addirittura aver "comprato" la Laurea in Economia e Management all'Università d'Annunzio con la complicità del docente Luigi Panzone, anch'egli indagato.

Gli imputati devono rispondere, a vario titolo, di peculato, corruzione, abuso d'ufficio, falsita' materiale commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, falsita' ideologica, distruzione di documenti, truffa ai danni dello Stato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Ato Pescara: chiesto rinvio a giudizio per 15 persone

IlPescara è in caricamento