rotate-mobile
Calcio

Pescara, cambia il mercato: restano Frascatore, Nzita e Bocic

Il presidente Sebastiani conferma i tre biancazzurri e "liquida" Galano, Rizzo e Marilungo. L'obiettivo? Un attaccante, se ci sarà un'uscita nel reparto avanzato. Sulla società: "Sto trattando con imprenditori che sono già nel mondo del calcio, ma non sono italiani. Nei prossimi giorni credo che qualcosa succederà"

Cambia la strategia di mercato del Pescara a meno di due settimane dalla chiusura della sessione di gennaio. La società si tiene stretti Frascatore, Nzita e Bocic, che sembrano essere usciti dalla lista dei partenti dopo le ultime dichiarazioni del presidente Sebastiani: “Di una loro cessione non abbiamo mai parlato. Sono stati tenuti in considerazione nella prima parte di stagione e fanno parte del nostro organico. Il mister ha grande stima di Nzita e lo sta pungolando per farlo esprimere al massimo”, ha detto nei giorni scorsi il numero uno del club.


Diverso il discorso per Galano, Rizzo e Marilungo, che invece devono trovare una sistemazione nei prossimi giorni. Il messaggio del presidente Sebastiani ai tre partenti è molto chiaro: “Loro sono fuori dal progetto, un po’ perché non rientrano nei programmi, un po’ perché si sono fatti fuori da soli, in alcuni casi. Su Marilungo la questione è tecnica: giocando con un solo attaccante, per lui lo spazio viene meno. Per Galano e Rizzo la questione è diversa. Rizzo l’abbiamo cercato e voluto con forza, ma non aveva la testa giusta per venire qui. Quello che ha fatto contro la Lucchese e tornando dalle vacanze non è accettabile, giusto che trovi una collocazione. Galano? Ne parliamo da giugno scorso: ha sempre voluto andare via. Ma quand’è così o accetti qualsiasi cosa oppure valuti quello che hai in mano. Se avesse fatto il suo nella prima parte di stagione, oggi per lui avremmo la fila, viste le sue qualità. Non daremo nessun incentivo per mandare via giocatori, lo dico in anticipo: per noi possono restare a girare intorno al campo fino al 30 giugno prossimo. Se uno vuole andare via, deve avere il coraggio di fare delle scelte…”.

Obiettivi? "Se dovessimo fare qualcosa in entrata, in attacco, lo faremmo solo dopo una cessione. De Marchi? Per noi non è in uscita, deve ritrovare la brillantezza d’inizio stagione. Può giocare anche esterno. Siamo contenti di lui. Discorso diverso se fosse lui a chiederci di essere ceduto. Abbiamo anche Chiarella e Delle Monache adesso, che possono sostituire Clemenza, e Blanuta”.

SOCIETA’
Sebastiani è tornato a parlare anche della questione societaria: “Sto trattando con imprenditori che sono già nel mondo del calcio, ma non sono italiani. Sto lavorando seriamente per chiudere una delle trattative. Nei prossimi giorni credo che qualcosa succederà. Significherebbe in prima battuta rafforzare la società, con un interregno iniziale in cui resterò per fare da garante ai nuovi proprietari”.

SI GIOCA
Finalmente si riprende a giocare nel campionato di serie C: lo ha stabilito il direttivo della Lega Pro di sabato scorso. Si tornerà in campo il prossimo week-end. Pescara all’Adriatico sabato 22 alle 14:30 contro l’Aquila Montevarchi. Squalificati Illanes e Pompetti. Pronto per il debutto De Risio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara, cambia il mercato: restano Frascatore, Nzita e Bocic

IlPescara è in caricamento