rotate-mobile
Cultura Nocciano

Violenza donne, nel castello De Sterlich-Aliprandi di Nocciano la mostra dedicata a Giulia Cecchettin

Si chiama "Violentia Violentiae" e ospita 44 opere di artisti nazionali e internazionali. A curarla Giancarlo Costanzo e la sua associazione. L'esposizione è stata dedicata alla giovane di Vigonovo (Venezia) vittima di femminicidio

Ha aperto qualche giorno a Nocciano fa la mostra “Violentia Volentiae” curata da Giancarlo Costanzo e dalla sua associazione culturale “Pae&Co”. Una mostra che ha come tema la lotta alla violenza contro le donne che non a caso si è voluta dedicare a Giulia Cecchettin, la 22enne di Vigonovo (Venezia) vittima di femminicidio per cui unico indagato è l'ex fidanzato Filippo Turetta.

L'esposizione è ospitata nel castello De Sterlich-Aliprnadi e a inaugurarla c'erano il sindaco di Nocciano Marcello Luciano Giordano e il vicesindaco Giovanna Speziale. Una presentazione trasformatasi in una vera e propria occasione di dibattito grazie alla presenza della psicologa Francesca Costanzo, della regista Maria Lucia Colombo e degli storici dell'arte Antonella Colaninno e Andrea Viozzi hanno presentato.

“Quarantaquattro opere di artisti nazionali e internazionali come Enrico Manera e Omar Galliani - ha spiegato il sindaco - omaggiano le donne e il tema della violenza di genere attraverso dipinti, sculture, installazioni e digital art.”

Tra le possenti mura del bastione le tante donne ritratte e riprodotte dagli artisti trovano protezione e conforto, scaldando i cuori dei visitatori attraverso spunti di riflessione che solo l'arte contemporanea sa offrire. Le opere esposte permetteranno loro di cogliere frammenti di quella verità troppo spesso soffocata e che invece l'arte riesce a far “gridare” al mondo attraverso gli occhi di chi le osserva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza donne, nel castello De Sterlich-Aliprandi di Nocciano la mostra dedicata a Giulia Cecchettin

IlPescara è in caricamento