rotate-mobile
Politica Centro / Corso Vittorio Emanuele II

Riapertura Corso Vittorio, Pescara Mi Piace: "Gravi conseguenze per tutta la città"

L'ex vicesindaco Fiorilli interviene in merito alla questione della riapertura di Corso Vittorio al traffico, parlando di una scelta scellerata del sindaco che ha voluto accontentare i commercianti

Una scelta scellerata, che causerà disagi ed avrà gravi conseguenze sull'intera città, dettata solo da interessi politici. L'ex vicesindaco di Pescara Fiorilli, di Pescara Mi Piace, attacca duramente Alessandrini per la decisione di voler riaprire al traffico Corso Vittorio Emanuele.

RIAPERTURA CORSO VITTORIO, SI DIMETTE L'ASSESSORE CIVITARESE

Dopo le dimissioni dell'assessore Civitarese, Fiorilli parla di una "Caporetto" per il sindaco che si sarebbe piegato alle richieste dei commercianti pur di ottenere consensi in vista delle elezioni comunali del 2019.

"Sono ben altre le misure di cui avrebbero avuto bisogno tutti gli esercenti del centro commerciale naturale, da un incremento dei
parcheggi all’aumento delle agevolazioni sulla sosta per chi in centro ci va tutti i giorni per lavoro o anche solo per shopping, dal completamento della riqualificazione del territorio, peggiorata rispetto al 2014 quando avevamo lasciato al sindaco Alessandrini una ‘bomboniera’, alla polarizzazione di eventi capaci di portare gente nelle vie del centro per passeggiare e guardare le vetrine e magari fare acquisti. I negozi di corso Vittorio Emanuele avevano cominciato a chiudere quando la strada era un imbuto di veicoli in transito che non si fermavano, ma attraversavano solo l’asse da sud a nord e viceversa."

Fiorilli ricorda di aver voluto personalmente quel progetto di pedonalizzazione, fornendo tre alternative valide per le auto senza dover imbottigliare di traffico Corso Vittorio e tutto il centro.

La prossima settimana assisteremo al triste spettacolo di una Pescara che tornerà indietro di dieci anni. Ci consola sapere
che ormai il ritorno alle urne, che decreterà la fine politica del Pd, è solo una questione di mesi, e non più di anni, ma nel frattempo organizzeremo attività di informazione nei confronti della cittadinanza, mentre valuteremo le possibili responsabilità del sindaco Alessandrini circa la demolizione della riqualificazione di corso Vittorio Emanuele, costata, tra il 2013 e il 2014, circa 1milione 400mila euro, spesi dai cittadini e oggi gettati all’aria

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapertura Corso Vittorio, Pescara Mi Piace: "Gravi conseguenze per tutta la città"

IlPescara è in caricamento