rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Politica

Di Nicola (Insieme per il futuro): "La scissione del M5s causata dalla politica estera, o si è europeisti e atlantisti o no"

Grave per il senatore abruzzese aver cercato di creare una crisi di governo su un tema delicato come la guerra in Ucraina e sul Movimento aggiunge: "E' diventato di Conte, se ci sono traditori non siamo noi"

A determinare la scissione del Movimento 5 stelle è stato l'atteggiamento di molti nei confronti della politica estera e, nello specifico, quanto avvenuto sul sostegno all'Ucraina e in particolare sulla decisione di inviare armi per aiutarla a difendersi contro la Russia. A dirlo è il senatore abruzzese Primo Di Nicola fuoriuscito e ora componente della nuova creatura dell'ex leader Luigi Di Maio: Insieme per il futuro. “Si tirava in ballo la stabilità del governo e i rapporto con i partner europei e atlantici. Si è sempre votato tutti uniti sulle missioni umanitarie, tanto per fare un esempio: la politica estera è un valore e non può essere oggetto di polemico per questioni interne. Non potevamo dire no all'impegno assunto. Bisogna fare un'operazione verità du questa fuoriuscita: ci sono temi in cui bisogna fare una scelta radicale, o si sta dalla parte dell'ucraina o si fanno scelte per cui si viene applauditi persino dall'endorsement dell'ambasciatore russo. Pensate quanto ha gioito Putin nel poter dire che non tutta l'Italia lo contrasta e noi questo non ce lo possiamo permettere”, aggiunge subito dopo l'annuncio della consigliera ragionale ed ormai ex capogruppo del M5s Sara Marcozzi, di seguire Di Maio.

Per quanto riguarda la decisione gli altri motivi sono gli stessi espressi dalla Marcozzi che per il Movimento fu candidata alla Regione. “Ci aspettavamo una pena democratizzazione interna e invece c'è stata un'ondata di nomine che lo hanno fatto somigliare da un partito autocratico e a tratti personale e non può funzionare. Noi non stiamo tradendo nessuno visti i cambiamenti radicali che ha avuto. Se qualcuno pensa che siano dei traditori, noi diciamo che probabilmente sono altri. Uscire non è stato facile e ci vuole coraggio, ma ci vole più coraggio a rimanere nel Movimento 5 stelle cui auguro le migliori fortune”. Per Di Nicola oggi “serve una stabilità chiara, non avventurismi o sovranismi d'accatto, né politiche da guerra terzomondista”. Con lui anche il deputato abruzzese Gianluca Vacca passato anche lui a Insieme per il futuro. “L'emorragia di parlamentari corrisponde all'emorragia di voti. Insieme per il futuro nasce dalle ceneri del defunto M5s diventato il Movimento di Conte. Nasce un nuovo progetto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Nicola (Insieme per il futuro): "La scissione del M5s causata dalla politica estera, o si è europeisti e atlantisti o no"

IlPescara è in caricamento