menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si è suicidato il senegalese accusato di violenza sessuale

Khole Abib, cittadino senegalese di 32 anni, si è tolto la vita nel carcere di Teramo. L'uomo era stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale ai danni di una ragazza affetta da ritardo mentale di Popoli. Abib era anche evaso dal carcere per due giorni, prima di essere catturato nuovamente

Si è suicidato nel carcere di Teramo Khole Abib, cittadino senegalese di 32 anni, venditore ambulante con regolare permesso di soggiorno.

L'uomo era accusato di violenza sessuale ai danni di una ragazza affetta da ritardo mentale di Popoli. L'episodio era accaduto lo scorso marzo, quando i due si erano incontrati nella cittadina del pescarese, a seguito di un annuncio.

Il senegalese, secondo l'accusa della ragazza, avrebbe obbligato la ragazza ad avere un rapporto sessuale con lui. Secondo la ricostruzione degli agenti penitenziari, Abib si sarebbe ucciso inalando del gas preso da una bombola utilizzata per il fornello a gas, tramite una busta di plastica.

Ad avvalorare la tesi del suicidio ci sarebbero anche dei biglietti d'addio. Il magistrato che si occupa del caso ha disposto l'autopsia sul cadavere.

L'arresto di Khole Abib avvenne lo scorso maggio, quando fu arrestato dai Carabinieri di Pescara. Successivamente fu condotto nel carcere di Teramo, dal quale evase riuscendo a scappare dal pronto soccorso dove era stato portato per un malore.

In fuga per due giorni fra le campagne di Teramo e Giulianova, si costituì spontaneamente alla Polizia.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento