Sottrae 40 mila euro in due anni dal conto di un'anziana parente: beccato un ex dipendente delle poste

L'uomo, in due anni, avrebbe sottratto la somma indebitamente da un conto e libretto postale di un'anziana parente

Ha sottratto illecitamente circa 40 mila euro in due anni dal conto di un'anziana parente, ma è stato scoperto e denunciato dalla guardia di finanza di Pescara. Nei guai è finito un ex dipendente di un ufficio postale del Pescarese, accusato di peculato. Sequestrati anche beni e denaro per il valore di 40 mila euro.

L'uomo, ora licenziato, ha eseguito i prelievi fra il 2016 ed il 2017, utilizzando un libretto postale intestato all'anziana direttamente dalla cassa o tramite sportello bancomat utilizzando la carta postamat associata al libretto postale della donna. Il reato di peculato, specificano le fiamme gialle, prevede una pena fino a 10 anni di carcere. L'operazione si colloca fra le attività condotte dal comando provinciale di Pescara per la tutela della legalità e difesa dei cittadini, soprattutto quelli appartenenti alle fasce sociali più deboli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Cerbiatto corre sul lungomare sud di Pescara, il video fa il giro del web

  • La cabina di regia mette l'Abruzzo in zona rossa, c'è l'annuncio di Speranza

Torna su
IlPescara è in caricamento