rotate-mobile
Cronaca

Sequestrate 6 tonnellate di arance e clementine non conformi [FOTO-VIDEO]

Gli agrumi esposti erano spacciati come italiani ma in realtà non lo erano, la scoperta della guardia di finanza

Sei tonnellate di arance e clementine ritenute non conformi sono state sequestrate dalla guardia di finanza di Pescara nell'ambito del piano "Stop Fake".
In sostanza gli agrumi erano esposti sul bancone in bella vista e spacciate per italiane.

Così venivano vendute quelle che sembrano essere le arance e le clementine migliori del mercato pescarese.

Ma sull’etichetta non si legge né il Paese d’origine, né il luogo di provenienza. E le Fiamme Gialle di Pescara, per questo motivo, hanno sequestrato oltre 6 tonnellate di agrumi privi di indicazioni sulla provenienza, cui segue l’applicazione ai responsabili di sanzioni amministrative pecuniarie sino a 64mila euro. L’iniziativa si è svolta nell’ambito di “Stop Fake”, il piano di controlli anticontraffazione e sicurezza prodotti avviato dalla guardia di finanza di Pescara in collaborazione con l’Icqrf locale (l’ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi), sulla scia del protocollo d’intesa siglato il 22 luglio 2020 tra il comando generale della guardia di finanza e il ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, al fine di rafforzare la tutela del Made in Italy e il contrasto alle maggiori insidie di manipolazione che si annidano nel settore agroalimentare, dove, dopo la pandemia e la crisi economica, i business illegali sono lievitati. Solo nel 2020, secondo quanto rapporta l’Icqrf, ci sono state 159 notizie di reato e 4.119 contestazioni amministrative, per un totale di 22 milioni di chili di merce sequestrata che sfiora un valore di oltre 21 milioni di euro.

"Le numerose infiltrazioni truffaldine e gli investimenti capillari di patrimoni illeciti nella filiera agroalimentare dipendono dalla diffusa consapevolezza della sua strategicità per l’economia italiana", fanno sapere dalla guardia di finanza, "produce beni di prima necessità di cui nessuno può fare a meno e con i suoi 500 miliardi di peso sulla catena dell’export e la formazione del Pil nazionale, è un’occasione troppo ghiotta per gli affaristi contrari alla legge. Senza contare che ha un impatto notevole sulle principali relazioni di mercato che si instaurano tra produttori, grossisti, dettaglianti e, ovviamente, consumatori, sulle cui tavole, troppo spesso, finiscono alimenti e bevande contraffatti e di scarsa qualità. E allora ecco che un’adeguata strategia di tutela, che orienti scelte d’acquisto consapevoli e sicure, diventa quasi lapalissiana e si traduce nell’azione di contrasto agli illeciti intrapresa dalle Fiamme Gialle di Pescara contro le truffe che possono celarsi dietro la recente impennata dei prezzi (da qui, i controlli ai supermercati locali e ai loro tariffari) e la lotta alle frodi in commercio. Crimini che condizionano la vita quotidiana dei cittadini, non solo incidendo sulle loro tasche, ma soprattutto sulla loro salute. Anche perché con l’inflazione galoppante, una maggiore attenzione alla convenienza alla ricerca del risparmio, porta i consumatori a divenire vittima delle trappole low cost e l’acquisto di cibi fasulli, avariati e alterati è dietro l’angolo. Perciò, nella lotta alle frodi agroalimentari, è fondamentale la collaborazione attiva dei cittadini con l’adozione costante di comportamenti improntati al modello “Eat what you know”: mangiare ciò che si conosce, ricercando in etichetta le informazioni sulle provenienze, le caratteristiche e gli ingredienti degli alimenti che si portano a tavola. La parola chiave è tracciabilità. La trasparenza, in questi casi, diventa sinonimo di salute, e, per questo, se si hanno dubbi, basta contattare il 117, il numero di pubblica utilità della Guardia di Finanza sempre a disposizione dei cittadini".

sequestro arance clementine (1)-2

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrate 6 tonnellate di arance e clementine non conformi [FOTO-VIDEO]

IlPescara è in caricamento