rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca Farindola

Rigopiano, l'accusa del proprietario dell'Hotel: "Con la Carta Valanghe nessuno avrebbe costruito"

Paolo Del Rosso, titolare dell'Hotel e Spa Rigopiano teatro della tragedia del 18 gennaio scorso, è stato interrogato in Procura. Ed ha accusato la Regione: "Non avevamo nessuna Carta Valanghe"

L'Hotel e la Spa Rigopiano non sarebbero stati costruiti se la Regione avesse realizzato la Carta Valanghe. Ad affermarlo Paolo Del Rosso, titolare della struttura dove il 18 gennaio scorso si è consumata la tragedia che ha ucciso 29 persone a Rigopiano. L'imprenditore è stato ascoltato dalla Procura nell'ambito dell'inchiesta sulla realizzazione dell'Hotel e sulla gestione dell'emergenza neve nelle ore precedenti la slavina che ha travolto e raso al suolo l'albergo.

RIGOPIANO: I FIGLI DI DUE VITTIME RIAPRONO LA PIZZERIA DEL PADRE

Cugino di una delle vittime, Del Rosso ha lasciato intendere che nessun ente o amministrazione aveva avvisato del rischio valange in quella zona, e dunque la società ha proceduto alla ristrutturazione del vecchio stabile, trasformato prima in semplice Hotel e poi in SPA e centro benessere. All'epoca la Conferenza dei Servizi diede il via libera ai lavori, e dunque l'imprenditore tramite i suoi legali lascia intendere di non sentirsi responsabile direttamente per quanto accaduto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rigopiano, l'accusa del proprietario dell'Hotel: "Con la Carta Valanghe nessuno avrebbe costruito"

IlPescara è in caricamento