rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Attualità

Voli cancellati per lo sciopero, l'esperto chiarisce quali siano i diritti dei passeggeri

L'avvocato di Pescara, Edno Gargano, esperto in materia, spiega quali siano i diritti dei passeggeri

Voli cancellati e partenze ritardate nell'aeroporto d'Abruzzo nella giornata di lunedì 8 aprile a causa dello sciopero dei controllori di volo di Brindisi.
L'astensione dal lavoro del personale dell'Enav è stato di 24 ore.

Lo sciopero ha riguardato tutti i servizi al traffico aereo erogati dall’Acc (centro di controllo d'area, ndr) all’interno della propria area di competenza in cui rientra anche lo scalo "Pasquale Liberi".

Oltre al servizio di controllo d’area e di informazione volo, lo stesso fornisce anche i servizi di avvicinamento a Bari e Brindisi. Considerando che i sorvoli sono garantiti, i traffici impattati sono essenzialmente le partenze e gli arrivi a Foggia, Bari, Brindisi e Taranto ma tale sciopero ha coinvolto anche alcuni voli su Pescara, fuori dalle fasce orarie di garanzia. Voli in arrivo: Londra 9:05 invece che 10:05; Trapani 10:35 invece che 12:25; Lussemburgo 18:25 invece che 14:45; Catania 21:20 invece che 23:30. Voli in partenza: Trapani 7:45 invece che 9:35; Catania 18:10 invece che 20:15; Lussemburgo 19:10 invece che 15:30. Voli cancellati: Pescara/Malta/Pescara (Fr1406-Fr1407), Pescara/Francoforte/Pescara (Fr9966-Fr9965), Pescara/Bruxelles/Pescara (Fr5015-Fr5016).

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Ma cosa c’è da sapere riguardo ai diritti previsti per i passeggeri?

«Innanzitutto, in questi casi bisogna distinguere due tipologie di scioperi», spiega l'avvocato Edno Gargano, esperto in materia, «quelli inerenti all’attività del vettore come, ad esempio, scioperi dei piloti o di altro personale e quelli che invece sono esterni all’attività vettoriale, ad esempio quello di lunedì 8 aprile. Infatti, in caso di scioperi del personale del vettore (piloti, hostess ecc.), il passeggero ha diritto di richiedere la compensazione pecuniaria ai sensi del Rregolamento (Ce) 261/04, che varia da 250 a 600 euro in base alla tratta percorsa, oltre al rimborso del biglietto di viaggio e al risarcimento dei danni subiti. Nel caso di scioperi esterni alla attività vettoriale, come ad esempio lo sciopero del personale Acc Brindisi, siamo di fronte a una “circostanza eccezionale” che esclude il pagamento da parte del vettore della compensazione pecuniaria. Resta fermo però il diritto del passeggero di richiedere il rimborso del biglietto di viaggio. Inoltre, al passeggero è comunque dovuta l’assistenza che consiste nel ricevere pasti e bevande in congruità. con l’attesa e qualora il volo sia stato cancellato e spostato all’indomani mattina, anche il pernottamento in hotel».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Voli cancellati per lo sciopero, l'esperto chiarisce quali siano i diritti dei passeggeri

IlPescara è in caricamento