rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Politica Portanuova / Viale Guglielmo Marconi

Viale Marconi e nuova viabilità a Porta Nuova, il Comune convoca associazioni e comitato per raccogliere idee e proposte

Primo vero confronto, dopo oltre due anni di critiche, quello che si terrà attorno al tavolo convocato dal sindaco e l'assessore comunale alla Mobilità per trovare le migliori soluzioni per viale Marconi, ma anche per la viabilità che si avrà con la nuova via Benedetto Croce e le altre strade su cui si sta intervenendo: l'appuntamento è a Palazzo di Città mercoledì 21 febbraio

Osservazioni, suggerimenti e proposte: queste chiede il Comune a associazioni di categoria, al comitato Salviamo viale Marconi e alla Fiab per rivedere la viabilità nell'arteria stradale più discussa e criticata della città, viale Marconi. Dopo due anni di battaglie a mezzo stampa da parte di chi non ha mai condiviso il progetto con il comitato in particolare che ha organizzato più di una manifestazione (la prima il 26 marzo 2022) per criticare le quattro corsie realizzate nell'ottica del passaggio del filobus e la cancellazione dei parcheggi, ci sarà dunque un confronto che fa seguito, specifica l'amministrazione, al collaudo finalmente arrivato. Collaudo da cui è emersa la correttezza tecnica del progetto, ma anche un credito vantato dall'ente nei confronti della ditta che ha eseguito i lavori perché alcuni di questi non sarebbero stati realizzati o sarebbero stati fatti male. Una liquidazione in eccesso per oltre 270mila euro.

L'incontro sarà anche l'occasione per discutere della nuova viabilità che interesserà Porta Nuova con l'apertura di via Benedetto Croce, quella di via Pantini che prenderà il posto di via della Bonifica che diventerà parte della riserva dannunziana accorpandola, e quella della strada che si sta realizzando dietro l'università dove sono in corso i lavori del “corridoio verde” da parte dell'ateneo. Una viabilità che si intende dunque definire in totale condivisione anche alla luce dei problemi che proprio nella zona di Porta Nuova ha creato il crollo della galleria San Silvestro.

Il sindaco Carlo Masci e l'assessore comunale alla Mobilità Luigi Albore Mascia hanno quindi convocato al tavolo, fissato per il 21 febbraio alle 10, la presidente provinciale della Confesercenti Marina Dolci, il presidente della Confartigianato imprese Pescara Giancarlo Di Blasio, il presidente provinciale della Confcommercio Riccardo Padovano, il coordinatore provinciale della Cna Luciano Di Lorito, il presidente di Casartigiani Dino Lucente, quello di Ascom Angelo Allegrino, alla portavoce del comitato viale Marconi Fabiana Tenerelli e al presidente dell'associazione Fiab Pescarabici Francesco Mancini. Un invito quest'ultimo che farebbe pensare anche alla volontà di trovare soluzioni per i ciclisti che di viale Marconi, in assenza di una pista dedicato, hanno sempre lamentato la pericolosità.

Alla luce del fatto che presto sarà concluso l'intervento di via Benedetto Croce, “atteso da 50 anni” che “modificherà totalmente il sistema di viabilità di Porta Nuova”, sottolineano sindaco e assessore; in considerazione del fatto che “sugli spostamenti in città inoltre incidono in questo periodo la chiusura della galleria Anas di Francavilla al Mare e i lavori in corso su via Andrea Doria e sulla rivera sud, tutti intervenuti di recente”, e in vista dell'apertura di via Pantini e della nuova strada dietro l'università, “è necessario riorganizzare la mobilità di Porta Nuova per rendere la città sempre più vivibile, accogliente e sostenibile, superando le eventuali criticità e, per quanto possibile nel rispetto del codice della strada, andando incontro alle richieste e alle esigenze dei cittadini”, scrivono quindi sindaco e assessore nella convocazione dell'incontro.

“È giunto il momento quindi – si legge ancora - di affrontare le problematiche collegate a viale Marconi, all'indomani dell'avvenuto definitivo collaudo del progetto dell'agosto 2018 di trasformazione della strada come asse preferenziale del trasporto pubblico, il cui esecutivo è stato approvato il 24 maggio 2019. Un tema questo che il settore Mobilità sta affrontando in maniera specifica già dal mese di dicembre scorso”, sottolineano Masci e Mascia.

Un incontro che non è difficile immaginare sia particolarmente atteso da chi in questi due anni ha lamentato di non essere ascoltato sulle problematicità e l'insicurezza di viale Marconi. Tema su cui si è sollevata anche la voce dei sindacati dei trasporti viste le difficoltà riscontrate dagli autisti tra infrazioni determinate dalle rotatorie mai aperte e la scorrettezza degli automobilisti che parcheggiano nella corsia riservata agi autobus, nonché quelle legate all'utenza debole che non si riuscirebbe a far salire sui mezzi per le pensiline troppo strette e non in piano. Tra chi di certo lo attende c'è il comitato nato in difesa di viale Marconi che proprio contro quella viabilità ha presentato un ricorso al consiglio di Stato che dovrebbe pronunciarsi a giorni. Non da meno le associazioni di categoria, alcune delle quali (Confesercenti, Confcommercio, Cna e Confartigianato) nel giugno 2023 lanciarono un vero e proprio ultimatum quando dovevano partire i lavori (ampiamente conclusi) su corso Vittorio Emanuele, lamentando in quel caso anche le problematicità di viale Marconi.

L'amministrazione da parte sua avrebbe dunque atteso di avere il collaudo per avere le basi su cui agire. Un collaudo arrivato con grande ritardo anche causa dell'inchiesta Tana delle Tigri che ha travolto Palazzo di Città e in particolare il settore Lavori pubblici con l'arresto dell'allora dirigente dimissionario Fabrizio Trisi. Una situazione che ha costretto a procedere con le nuove nomine e a riavviare l'iter con in più la necessità di rivedere tutti i documenti. Un esito, quello del collaudo, su cui oggi le opposizioni, proprio per quel pagamento non dovuto fato di oltre 270mila euro, chiedono una commissione comunale di indagine che vada a scavare in tutti gli appalti seguiti dall'ex dirigente.

Ora che i tasselli sembrano essere tutti al loro posto, l'intenzione sarebbe dunque quella di dar seguito a quanto annunciato nelle scorse settimane: rivedere la viabilità di viale Marconi, ma anche confrontarsi sul complesso della nuova viabilità di Porta Nuova alla luce dei cantieri in fase di ultimazione.

“Al fine di recepire osservazioni, raccogliere suggerimenti, condividere proposte all'interno di un percorso partecipativo sperimentato positivamente con i lavori pubblici in corso – precisano Masci e Mascia nella convocazione -  è convocato un incontro con i rappresentanti dei cittadini e delle associazioni di categoria che si terrà nella sala giunta del Comune mercoledì 21 febbraio alle ore 10”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viale Marconi e nuova viabilità a Porta Nuova, il Comune convoca associazioni e comitato per raccogliere idee e proposte

IlPescara è in caricamento