rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

Panni stesi nel sottopasso, Di Pillo attacca Teodoro: “I senzatetto sono ancora lì”

Il consigliere comunale del M5S se la prende con il neo assessore: "I pescaresi hanno creduto che in breve tempo avrebbe risolto ogni problema. Così non è stato ed anzi, dopo più di uno sgombero, ci si accorge che i senzatetto sono di nuovo nel tunnel"

Come IlPescara.it ha avuto modo di dimostrare ieri, il tunnel della ferrovia che dovrebbe ospitare in futuro il mercatino etnico (e dove a fine agosto è stata trovata morta una donna) è tuttora abitato dai senzatetto, nonostante i frequenti sgomberi.

Se n’è accorto adesso anche il consigliere comunale Massimiliano Di Pillo (M5S), che ha diramato una nota in cui attacca il nuovo assessore alla polizia municipale, Gianni Teodoro: “L’amministrazione comunale non riesce a star dietro all’efficentismo del nuovo assessore che, dopo aver fatto intervenire la Polizia Municipale vicino alla Stazione Ferroviaria di Pescara, si ritrova lo stesso identico problema pochi passi più in là”, afferma l'esponente pentastellato.

Tunnel ferrovia

Di Pillo ricorda che "per mesi molti homeless hanno vissuto nel sottopasso che l’amministrazione Alessandrini vorrebbe tramutare in mercatino etnico fin quando, dopo esserci scappato il morto, i cittadini pescaresi hanno creduto che il nuovo Assessore in breve tempo avrebbe risolto ogni problema. Così non è stato ed anzi, dopo più di uno sgombero, in collaborazione con Attiva e Polizia Municipale ci si accorge che i senzatetto sono di nuovo nel sottopasso. Basta avvicinarsi per capirlo e rendersi conto di ciò. Oltre il fortissimo olezzo di urina e una recinzione buttata a terra, si possono vedere dei panni stesi sulla recinzione opposta, segno inoppugnabile della presenza di alcuni senzatetto".

Tunnel ferrovia-3

Conclude Di Pillo: “Il degrado nella città c’è da troppo tempo e, nascondere sotto al tappeto le difficoltà da affrontare con politiche sociali concrete e decise, è una vergognosa realtà dell’amministrazione Alessandrini. Uno spazio da adibire a ricovero per gli homeless con 40 posti letto sarebbe pronto teoricamente da anni, a pochi passi dalla Stazione Ferroviaria, ma l’amministrazione continua a girarsi dall’altra parte”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Panni stesi nel sottopasso, Di Pillo attacca Teodoro: “I senzatetto sono ancora lì”

IlPescara è in caricamento