Il presidente Sospiri fa un bilancio del 2020: "Anno difficile, il Governo non è stato tenero con l'Abruzzo"

Il presidente del consiglio regionale tira le somme dell'anno appena trascorso fra pandemia e fondi spesi in Abruzzo

Un 2020 difficile, intenso per il consiglio regionale e per tutta l'amministrazione abruzzese. Così il presidente del consiglio regionale Sospiri ha definito l'anno appena concluso, inevitabilmente segnato dalla pandemia che ha colpito duramente anche l'Abruzzo sia nella prima che nella seconda ondata di contagi.

Sospiri ha ringraziato per l'impegno i colleghi di maggioranza e opposizione, evidenziando come il Governo non sia stato tenero con l'Abruzzo, il cui sforzo economico e sociale durante l'emergenza spesso non è stato compreso.

Uno sforzo che però ha consentito di mettere in campo finanze per oltre 184 milioni di euro”. “L’azione legislativa del Consiglio ha posto le basi per la realizzazione del Covid Hospital di Pescara. Un modello da esportare e che, al di là delle polemiche, non è una struttura d’eccellenza ad uso esclusivo dei pescaresi, ma un presidio che ha permesso a tutti gli ospedali della regione di non occupare l’interezza dei reparti con malati Covid, ma di mantenere quella continuità assistenziale ordinaria, per la cura delle altre patologie cliniche, che altrimenti sarebbe stata difficile o impossibile, mentre la produttività ospedaliera è salita del 20-30%”.

Sospiri ha anche ringraziato i garanti regionali, che lavorano per difendere le parti più deboli e vulnerabili della società: dai detenuti, alla tutela di genere, alla cura del mondo della comunicazioni fino ai diritti civili e dell'infanzia, aggiungendo che il consiglio regionale ha investito molto in questi settori attivando o riattivando organi che da anni dovevano tornare a lavorare.

“Posso dire senza nessun timore che il Consiglio regionale nel 2020 ha offerto tutto quello che poteva dare. Siamo andati oltre ogni prassi, oltre ogni giurisprudenza presente, oltre ogni possibilità economica, ricercando sempre il confronto benevolo delle opposizioni. La stragrande maggioranza delle nostre norme è stata emendata, migliorata e suggerita anche dalle parti propositive delle opposizioni. Prova ne è che le leggi più importanti sono state approvate in un solo giorno

 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento