menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il consigliere M5s Pettinari sulla palazzina acquistata dalla Asl in via Rigopiano: "Dopo 6 anni ancora nell'abbandono"

Il consigliere e vicepresidente del consiglio regionale torna sulla vicenda dell'acquisto da parte della Asl della palazzina nel 2014, fino ad ora mai utilizzata

Dopo 6 anni di battaglie la palazzina acquistata dalla Asl in via Rigopiano, e pagata 2,8 milioni a fronte di 900 mila euro pagati appena due anni prima da un privato, resta abbandonata e inutilizzata. La denuncia arriva ancora una volta dal consigliere e vicepresidente del consiglio regionale Pettinari del M5s, che sottolinea come l'operazione verità su quella transazione e su quello spreco di denaro pubblico gli sia costata anche 50 mila euro da pagare all'ex presidente della Regione.

Ma oggi, a distanza di sei anni, nulla è cambiato e dunque ora è venuto il momento di rimediare e utilizzare questo bene. Più volte il M5s ha ribadito che gli uffici della Asl potevano essere ospitati in altri immobili, e dunque l'acquisto era inutile, e il tempo ha dato ragione ai pentastellati ripete il consigliere Pettinari, considerando che ancora oggi quella struttura è inutilizzata:

Questa palazzina è a due passi dall’ospedale Covid e dalla struttura ospedaliera del Santo Spirito il ché la renderebbe utilizzabile, dal momento che è di proprietà della Asl, come supporto dell’ospedale stesso per ospitare, magari, anche tutti quei servizi non ospedalieri che si trovano all’interno del nosocomio di Pescara.

Sul fronte degli sprechi, Pettinari torna sulla questione dell'elisuperficie dell'ospedale, inutilizzata dopo l'acquisto di un nuovo elicottero a causa di una perizia errata sul peso, smentita successivamente da altri documenti:

Ma di fatto ancora oggi l’elisoccorso è dirottato all’aeroporto, l'elisuperficie inutilizzata, e i pazienti raggiungono l’ospedale con un servizio “navetta”, gestito da un’associazione privata, con costi aggiuntivi per la Asl e un ritardo di azione sulle emergenze/urgenze, dettate dal percorso extra su cui deve spostarsi l’ambulanza. Ho chiesto più volte alla Giunta regionale, a trazione centrodestra, di sanare questa anomalia riattivando l’elisuperficie. Ho avuto solo promesse a rassicurazioni a seguito delle mie numerose interpellanze ma, ad oggi, l'elisuperficie è inattiva e nessun cantiere risulta partito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento