Politica

Pescara Parcheggi, 8 lavoratori a casa? Critiche dal PD

I consiglieri comunali PD Corneli e Diodati attaccano l'amministrazione Mascia dopo aver appreso che otto dei 40 lavoratori della Pescara Parcheggi resteranno senza lavoro. "Dalla giunta solo belle parole"

Otto dipendenti della Pescara Parcheggi resteranno a casa in quanto non verrà loro rinnovato il contratto.

A dare la notizia sono i consiglieri Corneli e Diodati del PD, che attaccano duramente la Giunta Mascia, che qualche settimana fa, con il voto per la ricapitalizzazione della società che gestisce i posti auto a pagamento in città, aveva parlato di 40 posti di lavoro salvati.

"Solo un mese fa  la maggioranza annunciava trionfalmente di aver salvato 40 posti di lavoro. Purtroppo per i lavoratori oggi i fatti dimostrano il contrario. Al di là di ogni valutazione di merito e di forma, è oscuro il criterio con cui sono stati individuati i dipendenti da licenziare. Sembrerebbe che i nominativi delle persone da non richiamare, cioè circa il 20% della forza lavoro della società, siano stati forniti da responsabili di Pescara Parcheggi. Ciò, se fosse vero, convaliderebbe la nostra tesi che l’utilizzo degli interinali è illegittimo. " hanno detto Diodati e Corneli, aggiungendo che alcune voci parlano di alcuni dipendenti che avrebbero legami di parentela con i vertici dell'azienda. "Se i contratti dei lavoratori sono nulli diventano nulli anche i licenziamenti” affermano i consigliere che sono pronti a mettere a disposizione un legale che assista i lavoratori.

LA SOCIETA' Circa un mese fa in Comune c'era stato il voto per la ricapitalizzazione di Pescara Parcheggi, un voto determinante per le sorti della maggioranza in quanto il sindaco Mascia aveva dato un preciso ultimatum: o la delibera passava o si sarebbe dimesso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara Parcheggi, 8 lavoratori a casa? Critiche dal PD

IlPescara è in caricamento