Politica

Pedane mobili nei negozi della città per permettere l'accesso alle persone disabili

Lo ha ufficializzato il presidente della commissione commercio e attività produttive Rapposelli, al termine della seduta odierna

A Pescara scatta un vero e proprio piano di abbattimento delle barriere architettoniche nelle attività commerciali, per poter accogliere al meglio i clienti disabili, utilizzando pedane mobili da installare al momento dell'accesso, quando cioè il disabile suonerà un campanello davanti all'attività.-

Lo ha detto il presidente della commissione attività produttive e commercio del Comune Fabrizio Rapposelli, al termine della seduta odierna alla quale hanno partecipato i rappresentati delle associazioni di categoria ovvero Carmine Salce per la Cna, Carlo Nicoletti per la Confcommercio, Gianni Taucci per Confesercenti, Massimiliano Pisani per la Confartigianato, Angelo Allegrino per la Ascom Abruzzo e l’assessore alle politiche sociali Nicoletta Di Nisio.
L'obiettivo è quello di rendere Pescara una città libera da barriere per garantire stessi diritti e stessa dignità alle persone diversamente abili, con il piano Peba che sarà pronto per il marzo 2022.

"Oggi fortunatamente tale esigenza è divenuta un diritto riconosciuto e l’amministrazione comunale aveva già iniziato ad affrontare la criticità nel 2019, proprio per volontà del sindaco Masci, avviando i primi colloqui con le Associazioni di categoria, poi interrotti, ovviamente, con l’avanzare dell’emergenza Covid, colloqui che però oggi vanno assolutamente ripresi. Il progetto in realtà è di facile realizzazione, ovvero: tutti i commercianti che aderiranno, dovranno dare la propria disponibilità a dotarsi di una pedana mobile per l’accesso dei diversamente abili.

Quando un cliente in carrozzina o con una difficoltà di deambulazione si presenta all’ingresso di un negozio, troverà un campanello che darà modo al proprietario o al commesso di montare rapidamente lo scivolo per permettere l’accesso del cittadino, per poi rimuovere la pedana stessa, un piccolo espediente già ampiamente utilizzato altrove e che addirittura, secondo i dati disponibili, avrebbe determinato per molte attività un
incremento nelle vendite."

La pedana mobile sarà utile perchè non rappresenta occupazione di suolo pubblico e non sarà un elemento fisso presente lungo il transito pedonale ordinario. Il Comune incentiverà l'adesione dei commercianti, con un app collegata e con l'elenco delle attività aderenti alla convenzione.

"A questo punto sarà l’assessore Di Nisio a riallacciare le fila del progetto con il supporto della Commissione Commercio, confermata la disponibilità delle Organizzazioni di categoria"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedane mobili nei negozi della città per permettere l'accesso alle persone disabili

IlPescara è in caricamento