rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Politica

L'attacco della consigliera M5s Marcozzi: "Associazioni per l'assistenza domiciliare abbandonate dalla Regione"

La capogruppo regionale pentastellata denuncia l'assenza di mascherine e dispositivi di protezione per chi svolge assistenza domiciliare a pazienti cronici e con gravi patologie invalidanti

Gravi carenze di dispositivi di protezione per gli operatori delle associazioni che svolgono assistenza domiciliare. La denuncia arriva dalla capogruppo del M5s in consiglio regionale Marcozzi, che evidenzia come la Regione avrebbe dimenticato questi operatori che non hanno mascherine e dispositivi per i servizi quotidiani svolti con pazienti cronici ed affetti da gravi patologie che necessitano di cure nelle proprie abitazioni, e che non si sono fermati durante l'emergenza Coronavirus.

Secondo la Marcozzi, sarebbero stati abbandonati dalla giunta regionale e dalle Asl di riferimento:

L'espandersi del Coronavirus non può certamente essere una scusa valida per interrompere servizi che, in determinate circostanze, fanno la differenza tra la vita e la morte. È qui che dovrebbero intervenire le istituzioni regionali, fornendo agli operatori i necessari dispositivi di sicurezza, quali mascherine, guanti e camici monouso. Purtroppo, questo non sempre accade, e in molti casi anche le richieste di aiuto inviate rimangono lettera morta

La consigliera parla di propaganda da parte della giunta e del presidente Marsilio in merito alla fase 2 ed alla consegna di mascherine a tutti i cittadini abruzzesi, e chiede loro di pensare al concreto risolvendo il problema di queste associazioni che ricade inevitabilmente anche sui loro familiari per continuare ad operare in totale sicurezza.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'attacco della consigliera M5s Marcozzi: "Associazioni per l'assistenza domiciliare abbandonate dalla Regione"

IlPescara è in caricamento