rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Politica Montesilvano

Montesilvano, l'opposizione interviene sui fondi di solidarietà alimentare: "Così non va"

I gruppi consiliari del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle avanzano proposte in merito alla ripartizione dei buoni spesa e chiedono la convocazione del consiglio comunale da svolgersi mediante vebcam

È ritenuta inammissibile, a Montesilvano, la scelta di destinare gli oltre 400mila euro per l'emergenza con l'attuale criterio di individuazione dei soggetti destinatari.

Lo affermano gli esponenti del Movimento 5 Stelle, Paola Ballarini e Gabriele Straccini, e i consiglieri comunali del Partito Democratico, Paolo Fidanza, Romina Di Costanzo, Antonio Saccone e Stefano Girosante, secondo i quali, oltre ai titolari di partita Iva e ai commercianti che hanno dovuto sospendere l'attività, bisognava dare più spazio e importanza a tutti i cittadini in difficoltà, senza alcuna distinzione o privilegio.

L'opposizione fa presente che questi fondi derivano per gran parte da un'ordinanza della protezione civile e sono vincolati alla creazione di buoni spesa per quei soggetti con reddito basso:

"È compito del Terzo Settore e dell'Azienda Speciale stabilire una ripartizione più equa. Pur capendo che l'importo erogato non è sufficiente ad accontentare tutti, si potrebbe anche attingere da capitoli di spesa che non sono strettamente necessari a portare avanti la macchina amministrativa. Di questo e di altro ancora è il caso di discuterne al più presto in seduta consiliare, dal momento che l'ultima convocazione risale allo scorso 7 marzo. Quella delle restrizioni è una scusante che non regge, visto che si può ovviare con collegamenti in webcam, come già sperimentato in altri comuni italiani".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montesilvano, l'opposizione interviene sui fondi di solidarietà alimentare: "Così non va"

IlPescara è in caricamento