menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il centrosinistra insorge e attacca Marsilio: "Incastrati nella zona rossa, milioni di danni all'economia abruzzese"

I consiglieri di Pd, Legnini presidente, Gruppo Misto e Abruzzo in Comune attaccano il presidente in merito alla questione della zona rossa e al ritorno nelle fasce con meno restrizioni

Duro attacco dei consiglieri di centrosinistra al presidente Marsilio in merito alla questione della zona rossa in Abruzzo e al ritorno nelle fasce con meno restrizioni per il contagio da Covid. I consiglieri di d, Legnini presidente, Gruppo Misto e Abruzzo in Comune accusano il governatore di "aver giocato con i colori" e "aver fatto politica per conto della Meloni", portando l'Abruzzo in una situazione complessa con la zona rossa che potrebbe rimanere in vigore anche oltre il 3 dicembre per via del regolamento sul cambiamento delle fasce di rischio previsto dal dpcm del Governo Conte.

Secondo i consiglieri, il "pasticcio" deriverebbe da una superficialità diffusa con cui il centrodestra governa la Regione, dopo aver minimizzato per settimane si è poi trovata di fronte ai problemi facendo di tutto per far entrare l'Abruzzo in zona rossa:

Giustifico' la foga della richiesta con la 'certezza', evidentemente solo sua, che presto tutta l'Italia sarebbe stata zona rossa. Cosi' non e' stato e una volta ottenuto il risultato, ora succede che l'Abruzzo, dove i dati sono sicuramente migliori di altre regioni, e' l'unica regione rimasta in zona rossa

Ora, secondo il centrosinistra, Marsilio sta cercando di scaricare le responsabilità sul Governo per una scelta fatta esclusivamente da lui, chiedendo ai ministri Speranza e Boccia di ridefinire i criteri d'uscita dalle zone di restrizione per risolvere una situazione da lui creata:

Nel frattempo le attività sono tutte chiuse, salvo quelle di prima necessita'; le scuole sono solo a distanza, dalla seconda media in poi; smart working e un comparto economico, quello turistico e commerciale, ridotto in ginocchio, anche perche' ancora in attesa delle risorse a fondo perduto promesse dalla Regione. Marsilio dovrebbe pensare a una sola cosa finche' e' presidente della Regione Abruzzo: governare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento