Politica

Dal Comune di Pescara 188 mila euro per buoni spesa destinati ai cittadini indigenti: tutti i dettagli

L'assessore comunale Sulpizio ha illustrato i dettagli del provvedimento che punta a concedere buoni spesa per generi alimentari e prodotti di prima necessità ai cittadini già inseriti negli elenchi a dicembre 2020

La giunta comunale di Pescara ha approvato la delibera che stanzia 188.520,50 euro destinati ai buoni spesa per i cittadini e le famiglie indigenti della città, in vista delle feste pasquali. I buoni rientrano nell'ambito delle attività di sostegno alle fasce deboli colpite dalla pandemia. L'assessore Sulpizio ha illustrato i dettagli del provvedimento, sottolineando come i buoni spesa potranno essere utilizzati per acquistare sia generi alimentari (esclusi i super alcolici) che prodotti di prima necessità per l'igiene, ed anche per le intolleranze, medicinali, prodotti per la prima infanzia, prodotti per la casa, prodotti per animali da affezione.

I beneficiari sono indicati  nei nuclei familiari che hanno già inoltrato richiesta di accesso al contributo nell’ambito dell’avviso pubblico dello scorso 11 dicembre 2020. Costoro devono aver selezionato, all’epoca, nel modulo di domanda, l’opzione 1 riportante “Il proprio nucleo familiare non ha avuto “entrate” (derivanti da reddito da lavoro dipendente, pensione, Rdc, Naspi, Cig, mobilita, altre forme di ammortizzatori sociali) superiori a complessivi €1.560,00 nei mesi di ottobre e novembre 2020” e hanno l’Isee al di sotto di € 8.000,00; sono inoltre   nuclei familiari composti da almeno due componenti.

I buoni saranno poi quantificati nel seguente modo:

  • Nuclei familiari con due componenti € 100,00
  • Nuclei familiari con tre componenti € 150,00
  • Nuclei familiari con quattro componenti € 200,00
  • Nuclei familiari con cinque o piu componenti € 250,00

La validità dei buoni è di 30 giorni dalla data di emissione e saranno spendibili negli esercizi commerciali della città inseriti nell'elenco comunale già istituito nel mese di dicembre. I destinatari della misura, già inseriti negli elenchi formatisi dopo il bando del dicembre 2020, riceveranno un pin direttamente sul proprio telefono cellulare, da utilizzare, unitamente al codice fiscale, presso i negozi aderenti all’iniziativa.

L'assessore ha aggiunto:

L’impatto economico della pandemia si è aggravato.Il nostro è un segnale di vicinanza a chi soffre per questa situazione e non potevamo certamente restare insensibili di fronte alle richieste di aiuto che ogni giorno ricevo da parte di tantissime persone. Non ritengo che questo risolva i problemi economici dei pescaresi, ci mancherebbe, ma forse sarà utile a far sì che si possano trascorrere feste pasquali più serene.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Comune di Pescara 188 mila euro per buoni spesa destinati ai cittadini indigenti: tutti i dettagli

IlPescara è in caricamento