Politica

La denuncia del consigliere Blasioli: "Troppi ritardi per il cambio di medico di base e mancano i pediatri"

Il consigliere Pd fa riferimento al sistema online che permette in Abruzzo di cambiare medico di famiglia direttamente tramite il web

Problemi alla Asl di Pescara per il sistema di cambio medico di base attivato dalla Regione tramite piattaforma online, oltre ad una carenza di pediatri disponibili allarmante. La denuncia arriva dal consigliere regionale del Pd Blasioli, che chiede un intervento immediato all'assessore regionale alla sanità Verì per risolvere la questione.

Alcuni pazienti segnalano tempi di attesa addirittura di 3 settimane o un mese per la riassegnazione di un altro medico di medicina generale in caso di pensionamento di quello attuale:

Innanzitutto va detto che la Asl di Pescara non comunica ai mutuati il pensionamento del medico, informazione che invece viene fornita in altre Asl della Regione, per cui può capitare che i pazienti che non hanno contatto quotidiano con il proprio medico curante si ritrovano a non aver garantita la continuità dell'assistenza perché non subentra immediatamente uno specialista in sostituzione.

L'attesa di quasi un mese è inaccettabile, spiega Blasioli, in questo periodo difficile considerando l'importanza della medicina sul territorio non solo per il Covid ma anche per la salute e sanità pubblica dei cittadini.

Non va meglio a chi, in questi giorni, si è recato alla Asl, in particolare al distretto di via Rieti. Appuntamento fissato dopo il 20 gennaio per iniziare la pratica di ri-assegnazione del medico. Un tempo infinito che richiede un maggiore impegno da parte della Direzione della Asl e dell’Assessore Verì per intensificare il personale che materialmente gestisce queste pratiche. Quest’anno, per l’ambito di Pescara città sono andati in quiescenza 11 medici (che hanno in media 1000 pazienti).

Problemi, anche più evidenti, riguardano i pediatri. A Pescara sono andati in pensione 3 pediatri e molte famiglie non hanno visto la loro sostituzione, tanto che la determina DPF 015/15 del 08 aprile 2020 non prevede la loro sostituzione, ma solo quella di questi specialisti per i Comuni di Lanciano e Celano. 

Anche in questo caso, aggiunge il consigliere, si tratta di un problema serio per famiglie e ragazzi che hanno bisogno, per il rientro a scuola, delle certificazioni del proprio pediatra.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La denuncia del consigliere Blasioli: "Troppi ritardi per il cambio di medico di base e mancano i pediatri"

IlPescara è in caricamento