rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca Manoppello

Sequestrata discarica abusiva a Manoppello dai carabinieri forestali: c'erano anche rifiuti pericolosi

La denuncia di un imprenditore marsicano ha portato alla scoperta: qualcuno si sarebbe introdotto illegalmente nel terreno lasciando sul terreno permeabile diverse tipologie di rifiuti. Le indagini vanno avanti e secondo quanto riferito dalla forestale ci sarebbero già elementi utili per individuare e sanzionare i responsabili

Sequestrata dai carabinieri forestali una discarica abusiva a Manoppello in Piano della Stazza dove sarebbero stati abbandonati in modo illecito rifiuti pericolosi e non. La scoperta è stata fatta a seguito della denuncia presentata da un imprenditore marsicano che avrebbe subito il danno. Di qui il controllo e il sequestro preventivo a carico di ignoti già convalidato.

Discarica abusiva scoperta e sequestrata a Manoppello

La discarica abusiva si trova su un terreno privati di circa 600 metri quadrati, accanto all'autostrada A25. Qualcuno vi si sarebbe introdotto illegalmente tagliando la catena metallica chiusa con un lucchetto che ne delimitava l'accesso, e lasciando sul terreno non protetto dalle infiltrazioni, circa 15 metri cubi di rifiuti derivanti da attività edilizia come scarti di cappotto termico, guaine isolanti bituminose, imballaggi di plastica, calcinacci, grondaie e discendenti, materiali metallici e plastici di vario genere, batterie esauste per attrezzi da edilizia, dischi usati per molatura, diversi contenitori di vernici, tappezzeria varia e altro materiale da classificare compiutamente.

Avvisato il pubblico ministero di turno e fatti tutti i rilievi fotografici, l'area è stata posta sotto sequestro e data in custodia giudiziale al proprietario del terreno a disposizione della procura della repubblica di Pescara. I carabinieri forestali fanno sapere di aver già raccolto elementi utili per risalire ai responsabili e di aver quindi richiesto all'autorità giudiziaria competente la delega per eseguire ulteriori accertamenti.

Leggi le notizie de IlPescara su Whatsapp

“Una volta scoperti - dichiara il comandante del gruppo carabinieri forestale di Pescara - ai responsabili dell’attività illecita potranno essere comminati un'ammenda da mille a 10mila euro per l'abbandono dei rifiuti (se pericolosi, la pena è aumentata fino al doppio) e, per la discarica non autorizzata, l'arresto da sei mesi a due anni e, in aggiunta, l'ammenda da 2mila 600 a 26mila euro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrata discarica abusiva a Manoppello dai carabinieri forestali: c'erano anche rifiuti pericolosi

IlPescara è in caricamento