rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca Centro Storico

Sanpietrini a Pescara Vecchia: la protesta dei disabili

Claudio Ferrante, dell'associazione Carrozzine Determinate, sottolinea come la nuova pavimentazione in porfido violi di fatto le norme previste dalla legge per le barriere architettoniche

No ai sanpietrini in porfido a Pescara Vecchia. A protestare sono i disabili con Claudio Ferrante dell'associazione Carrozzine Determinate, che chiede al Comune di non utilizzare questo genere di pavimentazione nel centro storico, in quanto violerebbe le leggi sulle barriere architettoniche.

500 MILA EURO PER IL LOOK DI PESCARA VECCHIA

Secondo Ferrante, infatti, il porfido è un materiale che non permette una viabilità fluida alle persone con disabilità costrette su una carrozzina, ma potrebbe creare problemi anche alle mamme con i carrozzini o comunque a persone con difficoltà motorie.

Non è sufficiente dunque adoperarsi per l’abbattimento delle barriere architettoniche esistenti, ma è necessario combattere costantemente anche contro l’ignoranza che vuole la creazione di nuove barriere architettoniche!! Le barriere architettoniche e in genere tutti gli ostacoli all’esercizio delle attività e dei diritti costituzionalmente protetti devono essere rimossi; ancor più evidente è che non debbano essere creati!

L'associazione ha deciso di diffidare ufficialmente il Comune dall'effettuare tali lavori, chiedendo all'amministrazione comunale di ascoltare le esigenze dei cittadini e soprattutto dei disabili.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanpietrini a Pescara Vecchia: la protesta dei disabili

IlPescara è in caricamento