menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanitopoli: è iniziato il processo a carico di Del Turco

E' iniziato l'atteso processo riguardante l'inchiesta Sanitopoli in Abruzzo. Fra gli imputati anche l'ex Presidente della Regione Ottaviano Del Turco, presente in aula. Fra i soggetti che hanno fatto richiesta per essere ammessi come parte civile, anche Vincenzo Angelini. Prossima udienza il 7 giugno

E' iniziato stamane il processo riguardante l'inchiesta Sanitopoli in Abruzzo.

Un processo molto atteso che vede, fra gli imputati, l'ex Presidente della Regione Ottaviano Del Turco, finito in carcere nel 2008 per presunte tangenti e corruzioni nella gestione della sanità abruzzese.

Del Turco era presente in aula, ed ha rilasciato dichiarazioni e commenti riguardanti il processo e la situazione regionale del PD. Per Del Turco, l'intera operazione che lo vede coinvolto sarebbe stata orchestrata da una parte del PD che sta scomparendo, ed ha ricordato come il centrosinistra abbia perso tutte le elezioni che si sono tenute negli ultimi anni, un fatto che dovrebbe far riflettere l'attuale dirigenza del partito.

Riguardo l'esito del processo, Del Turco si è detto sereno ed ha fatto sapere, tramite il suo avvocato (Giandomenico Caiazza) di voler ascoltare le intercettazioni telefoniche. Lo stesso avvocato ha anche detto di voler entrare il prima possibile nel "merito delle questioni".

Del Turco ha infine detto di aver ricevuto messaggi di solidarietà e vicinanza, ma solamente dalle persone che gli vogliono bene.

Intanto, durante l'udienza sono state presentate le numerose richieste di costituzione di parte civile nel procedimento, fra cui quella della Regione Abruzzo e di Vincenzo Angelini, il grande accusatore di Del Turco.

L'avvocato del "re" delle cliniche private, ha fatto sapere che la posizione di Angelini come imputato è tutta da chiarire, mentre sarebbe chiara quella come parte offesa, ed ha precisato che la vicenda della bancarotta del gruppo non è collegata a questo processo.

Secco il commento del Procuratore Capo di Pescara Trifuoggi, che ha sottolineato come l'accusa ed i Pm non devono rilasciare dichiarazioni in merito al procedimento in corso.

Intanto la prossima udienza si terrà il 7 giugno prossimo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento