rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca

False polizze per partecipare ai bandi per l'imprenditoria giovanile, coinvolte anche società di Pescara

Davanti al giudice, nel corso della prima udienza dibattimentale che si è tenuta oggi, giovedì 11 luglio, nel tribunale di Perugia, sono apparsi anche 57 imprenditori, società e Sviluppumbria

Ci sono anche imprenditori e società di Pescara e Chieti tra quelle truffate da tre persone (una deceduta e una irreperibile) con polizze fidejussorie false per partecipare ai bandi di Sviluppumbria e dell’Unione europea.
Davanti al giudice, nel corso della prima udienza dibattimentale che si è tenuta oggi, giovedì 11 luglio, nel tribunale di Perugia, sono apparsi anche 57 imprenditori, società e Sviluppumbria.

Tutti, come riporta PerugiaToday, si sono costituiti parte civile nella maxi truffa da centinaia di migliaia di euro.

False polizze per partecipare ai bandi di Sviluppumbria per l'imprenditoria giovanile, truffatori a processo

In base alla tesi accusatoria del sostituto procuratore della Repubblica, Claudio Cicchella, la truffa ai danni di imprenditori e società sarebbe basata su un gioco ben congegnato di false polizze fidejussorie valide a ottenere finanziamenti erogati a sostegno dell’imprenditoria giovanile. La false polizze sarebbero servite a certificare il rispetto delle condizioni individuate dalla Regione Umbria nella legge regionale 12/95 sui finanziamenti da erogare a sostegno dell’imprenditoria giovanile.

Con questa documentazione gli imprenditori e le società, “in buona fede” si legge nelle carte dell’accusa, avrebbero chiesto e ottenuto dalla Regione un finanziamento a tasso zero e un rimborso per la sottoscrizione della fidejussione, arrecando un “danno all’ente che erogava somme in assenza di adeguate garanzie” in quanto la polizza sarebbe stata falsa e mai sottoscritta dalle compagnie assicurative (con tanto di carta intestata falsificata).

Gli imprenditori e le società truffate, di Pescara e Chieti, oltreché di Perugia e Roma, avrebbero sborsato migliaia di euro ciascuno per la polizza. I fatti contestati (truffa e falsità materiale commessa da privato) sono avvenuti tra il 2011 e il 2013.
Gli imputati sono difesi dai legali Cesare Carini del foro di Perugia e Alfredo Forcillo del foro di Pescara.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

False polizze per partecipare ai bandi per l'imprenditoria giovanile, coinvolte anche società di Pescara

IlPescara è in caricamento