rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Montesilvano

Tariffe mense scolastiche, Anelli attacca il Comune: "Prezzi esorbitanti"

Il consigliere comunale Manuel Anelli del Movimento a Cinque Stelle, attacca il Comune in merito alla questione delle tariffe delle mense scolastiche

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPescara

Il 1 ottobre il Comune di montesilvano ha pubblicato, sul proprio sito web, un importante bando di gara relativo al “Servizio di refezione scolastica”.
L’importo di tale bando è di ben 4.750.000 € e pone molti e pressanti interrogativi.
Perché non è stato indetto, come previsto dalla legge, un bando europeo? Perché è stato previsto semplicemente un bando di gara a proceudra ristretta? Cosa c’è da nascondere?
Perché non è stato previsto un capitolato speciale d’appalto per la descrizione dei vari servizi o ad esempio la descrizione delle tabelle dietetiche dei pasti?
Perché non è stato previsto l’obbligo di impiegare una alta percentuale di cibi biologici (a Bologna almeno il 70%)?
Ma lasciano ancora più perplessi i requisiti richiesti per partecipare al bando.
Si chiede che, al momento della presentazione dell’istanza di partecipazione, la ditta debba possedere un centro di cottura di almeno 2.000 pasti al giorno a distanza di meno di 15km dal centro di Montesilvano.
Quante aziende possiedono già questo criterio? Forse solo una?
Perché prevedere un fatturato di ben 6mln di euro negli ultimi 3 anni, considerando che tale bando è addirittura inferiore della metà al fatturato richiesto?
Ma ciò che lascia sconcertati è l’importo a base d’appalto che, per ogni pasto, ammonta a ben € 6,20 + Iva.
Da nostre ricerche è emerso che tale importo è il più alto mai previsto.
Abbiamo preso ad esempio il Comune di Moncalieri, di 60.000 abitanti; ebbene, secondo il loro bando europeo (quindi non a procedura ristretta, viva la trasparenza!) il costo/pasto ammonta a soli € 4,70 + Iva.
Quindi la loro base d’asta, oltre eventuali ribassi, provocherebbe già di per sé un risparmio di ca. 1,50€ per ogni pasto che, per tutta la durata dell’appalto, significherebbe un risparmio, per l’amministrazione comunale e per i suoi cittadini, di più di 1 milione di euro in 5 anni.
Perché a Montesilvano bisogna pagare di più rispetto a tutte le altre città italiane?
Speriamo che il Sindaco e la Giunta Comunale rispondano immediatamente a tutti questi nostri quesiti e che modifichino, senza indugio, tale bando.
 
Manuel Anelli - Movimento 5 Stelle Montesilvano

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tariffe mense scolastiche, Anelli attacca il Comune: "Prezzi esorbitanti"

IlPescara è in caricamento