rotate-mobile
Cronaca Montesilvano

Maggio: mese di controlli ed arresti per i carabinieri di Montesilvano

I Carabinieri della Compagnia di Montesilvano, con il supporto dei colleghi del Comando Provinciale di Pescara, hanno effettuato una serie di controlli straordinari e una attenta attività di vigilanza del territorio

Dodici pattuglie impiegate quotidianamente e svariate operazioni di prevenzione, con un'attenzione particolare alle strade ad alta intensità di traffico, ai centri commerciali e ai centri di accoglienza. I Carabinieri della Compagnia di Montesilvano, con il supporto dei colleghi del Comando Provinciale di Pescara, hanno effettuato una serie di controlli straordinari e una attenta attività di vigilanza del territorio. Sono stati applicati diversi provvedimenti definitivi di carcerazione. Ritirate anche dieci patenti di guida.

Per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e porto abusivo d'armi è stato condannato alla pena definitiva di 1 anno e 4 mesi di custodia domiciliare Vittorio Pratino, mentre una condanna definitiva per furto aggravato è stata inflitta a Rocco Pelusi, agli arresti domiciliari per 1 annu, 9 mesi e 17 giorni. Più lieve il reato e la conseguente pena per Vincenzo Patacca che dovrà scontare a casa 1 mese e 10 giorni per guida in stato di ebrezza.

A Maurizio Di Lodovico è stata eseguita l'esecuzione di un ordine di custodia cautelare in carcere per violazione di allontanamento dalla casa famiglia e divieto di avvicinamento dai genitori, vittime di lesioni, ingiurie e maltrattamenti. I militari dell'Arma sono intervenuti in diverse circostanze nella pineta del lungomare e nelle vie limitrofe dove hanno beccato in flagranza di reato per spaccio alcuni extracomunitari.

TENTA IL SUICIDIO IN MARE, SALVATO DAI CARABINIERI

Lo scorso 7 maggio hanno ammanettato Mamadou Malal, ospite al Cas Torre del Moro di Città Sant'Angelo, e due suoi connazionali senegalesi senza fissa dimora, Puyè Babacar e Biteye Elhady Babacar. Nel giro di dieci giorni dal primo arresto eseguito in via Finlandia, un altro cittadino del Senegal, tale Ndoye Moussa, è stato nuovamente sorpreso a vendere droga ieri pomeriggio. Stesso reato commesso in via Strasburgo da Lam Abdoulahatte, senza fissa dimora. Più grave la posizione del magrebino Chahid Mohamad, finito dietro le sbarre per furto aggravato in concorso e resistenza a Pubblico Ufficiale. È stato condannato a 4 anni, 1 mese e 27 giorni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maggio: mese di controlli ed arresti per i carabinieri di Montesilvano

IlPescara è in caricamento