rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Cronaca

L'anarchico pescarese Alfredo Cospito rischia l'ergastolo, deciderà la corte costituzionale

La corte d'assise d'appello rinvia alla consulta la decisione sulle attenuanti per Alfredo Cospito, anarchico nato a Pescara accusato dell’attentato che si è verificato nel 2006 nella caserma degli allievi carabinieri di Fossano in provincia di Cuneo

Sarà la corte costituzionale a esprimersi sulle attenuanti di cui potrebbe beneficiare Alfredo Cospito a seguito dell’attentato che si è verificato nel 2006 alla caserma degli allievi carabinieri di Fossano, nel cuneese.
Come ricorda l'Adnkronos, la procura generale aveva chiesto l’ergastolo per l'anarchico di Pescara.

La corte d’assise d’appello di Torino ha chiesto alla Corte costituzionale di esprimersi.

Nella sostanza, i giudici torinesi, nell’ordinanza hanno accolto la questione di legittimità costituzionale, sollevata dalle difese, sull’attenuante rispetto al reato di strage politica per il quale la procura aveva chiesto l’ergastolo. Il tema è quello della "lieve entità": per Alfredo Cospito avendo la contestazione di recidiva reiterata specifica, la legge vieta il bilanciamento e, quindi, dovrebbe essere applicata la pena dell’ergastolo. Per questo si è deciso di rinviare gli atti alla consulta per valutare se anche nel reato di strage politica debba operare il divieto di bilanciamento oppure no. In questo caso Cospito non rischierebbe più l’ergastolo ostativo ma una pena tra i 21 e i 24 anni. 

«Il fatto che si sollevi questa questione, significa, secondo me, che la tenuità del fatto di strage deve essere riconosciuta, quindi credo che sia passata la nostra linea di ragionevolezza», commentato l’avvocato Gianluca Vitale, difensore di Anna Beniamino, «non si può trattare nello stesso modo, con la stessa risposta sanzionatoria, fatti di gravità incommensurabilmente diversa». «Noi ritenevano che ci fossero due motivi di illegittimità, hanno ritenuto di coglierne quindi dovrebbe, comunque, essere una mitigazione», aggiunge Flavio Rossi Albertini, legale di Cospito che poi spiega che ora «la corte costituzionale può decidere che in questo caso ricorra una prevalenza rispetto alla recidiva reiterata, così come deciso dalla corte stessa in altri casi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'anarchico pescarese Alfredo Cospito rischia l'ergastolo, deciderà la corte costituzionale

IlPescara è in caricamento