rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Attualità Castellamare / Via Castellamare Adriatico

Sit-in a difesa della strada parco, il comitato: "La verità sul secondo e terzo lotto della filovia"

Il comitato Strada parco bene comune annuncia una manifestazione per lunedì 21 febbraio

«Un sit-in a tutela della funzione sociale della strada parco, gravemente compromessa dalla ripresa dei lavori annunciata contestualmente da Tua Spa».
È quello che annuncia il comitato Strada parco bene comune per lunedì 21 febbraio dalle ore 15:30 alle 18.

Lavori che il comitato giudica, a proprio parere subordinato, inutili e dannosi per il paesaggio, il territorio, la qualità dell’aria e della vita dei pescaresi, la fiscalità generale e le casse dello Stato.

Questo quanto si legge in una nota diffusa dal comitato: «È stata divulgata stamattina sui social network dall’attento Franco Pasetti, promotore del Comitato Salviamo Viale Marconi. Il secondo e terzo lotto della filovia sono stati bocciati di recente dal Mims con le seguenti motivazioni: "Detto progetto è risultato carente sia dal punto di vista dell’analisi trasportistica, sia dal punto di vista della compiuta e chiara identificazione degli interventi (elaborati progettuali non adeguati al livello progettuale minimo richiesto)”. È evidente come la nostra amministrazione sia stata al di sotto dei minimi di preparazione richiesti dal ruolo…, conclude Franco Pasetti.  Pertanto, non sarà per nulla vero che i 62 milioni di euro richiesti il 15 gennaio 2021 dal Comune di Pescara, nel ruolo inedito di stazione appaltante, siano stati “congelati” dal Mims, in attesa di tempi migliori. Eppure, era stata richiesta nell’occasione, al modico compenso di 39 mila euro, la consulenza pregiata del massimo esperto nazionale di filobus “full electric”. Il quale, disconosceva, in tutta evidenza, la limitata autonomia di 4 km circa del pacco batterie in dotazione al filobus Van Hool Exqui.City18T: inadeguata a coprire il percorso di 4,8 Km, in marcia autonoma promiscua, che separa via Silvio Pellico dal tribunale in via Lo Feudo, dove insiste l’inutile centralina di ricarica maldestramente costruita da Tua spa Società unica abruzzese di trasporto».

Così concludono dal comitato Strada parco bene comune: «Ciò posto, che se ne farà la città di Pescara di un filobus ridondante, non sostenibile sul piano economico, ma neppure sotto i profili sociale, ambientale e paesaggistico, che a piazza della Repubblica terminerà la sua corsa scriteriata? Ammesso e non concesso che, chissà come e quando, il bisonte riesca giammai ad avviarsi in fantomatico esercizio. Nondimeno, grazie al comitato strada parco bene comune, ci sarà, per fortuna e buona volontà, il tempo e il modo di rimediare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sit-in a difesa della strada parco, il comitato: "La verità sul secondo e terzo lotto della filovia"

IlPescara è in caricamento