rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Attualità Silvi marina

Il Comune di Silvi nega il banchetto all'Arcigay durante i mercati natalizi: scoppia la polemica

L'Arcigay Teramo fa sapere che l'amministrazione comunale avrebbe negato la presenza del banchetto durante i mercatini natalizi in quanto "non attinente al tema natalizio, vista la presenza dei bambini"

Scoppia la polemica a Silvi per la mancata concessione dell'autorizzazione all'Arcigay Teramo che aveva chiesto di poter essere presente con un proprio banchetto durante l'iniziativa “Silvi in Christmas Time” che prevede dei mercatini natalizi a cui privati ed enti possono partecipare. Secondo l'associazione, è stata impedita la presenza del banchetto in quanto non attinente al tema natalizio, vista la presenza dei bambini:

È invece proprio con i bambini che si può e deve fare informazione, regalando loro una visione della realtà meno discriminatoria e stereotipata - anche semplicemente con momenti di gioco e/o laboratori. Dall'accaduto emerge l'ennesima strumentalizzazione di presunte istanze delle future generazioni perpetrata con l'unico scopo di rifiutare e negare la possibilità altrui di essere, esprimersi, autodeterminarsi. Si tratta del solito proposito - di matrice omolesbobitransfobica - deprecabile e viscido nelle modalità e nei contenuti che agisce farneticando di un (inesistente) rischio per i bambini legato ad attività che in realtà mirano, al contrario, a dar loro un futuro in cui sentirsi liberi, in cui tutte le differenze possano convivere. Il ripresentarsi di queste argomentazioni non è altro che l’espressione, il modus operandi, di un sistema che isola, invisibilizza, cancella le identità non conformi a colpi di discriminazione."

Secondo l'associazione, i diritti vanno riconosciuti sempre, e non occorre a Natale essere più buoni, fare doni e concessioni ma garantirli 365 giorni l'anno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune di Silvi nega il banchetto all'Arcigay durante i mercati natalizi: scoppia la polemica

IlPescara è in caricamento