rotate-mobile
Attualità

Otto percettori del reddito di cittadinanza diventano "Sentinelle di quartiere" a San Donato

Dal 7 novembre sono attive 8 persone selezionate per lo svolgimento del progetto nella postazione del centro polivalente “Monsignor Britti” in via Rio Sparto nel rione San Donato di Pescara

È stato presentato dall'assessore alle Politiche Sociali, Adelchi Sulpizio, il nuovo progetto di utilità collettiva (Puc) del Comune di Pescara che coinvolge 8 percettori di RdC (reddito di cittadinanza).
L’iniziativa, che si articola appunto all’interno del Puc “Pescara una città al lavoro” attivo dall’agosto 2020, coinvolge tuttora molti percettori di RdC regolarmente impegnati in attività di supporto all’interno del Comune di Pescara.

Vista l’esperienza positiva maturata in questi mesi, il Comune si è adoperato per ampliare ulteriormente i servizi per i cittadini, affiancando ai Puc dell’antidegrado urbano, partito un mese fa, una nuova iniziativa: “Sentinelle di quartiere”.  

Dal 7 novembre sono attive 8 persone selezionate per lo svolgimento del progetto nella postazione del centro polivalente “Monsignor Britti” in via Rio Sparto  nel quartiere San Donato. I turni si svolgeranno dal lunedì al venerdì, la mattina dalle ore 9 alle ore 12 e il pomeriggio dalle ore 15 alle ore 19. I beneficiari effettueranno servizi di: ricezione di segnalazioni cittadini (con particolare attenzione ad anziani e disabili), ovvero raccolta di necessità e richieste circa interventi di piccola manutenzione da effettuare nel quartiere, le quali verranno gestite a seconda delle possibilità del servizio; vigilanza ovvero verifica di eventuali criticità di ordine pubblico da segnalare ai vigili urbani e/o ai referenti tutor; accompagnamento anziani e disabili con supporto attraversamento stradale, trasporto spesa e medicine; supervisione di parchi e luoghi di ritrovo con l’obiettivo di evitare atti di vandalismo e prevenire l’incuria dei luoghi pubblici ed eventualmente segnalare alle autorità competenti; piccola manutenzione e pulizia: interventi di verniciatura panchine, giochi nei parchi, ringhiere, pulizia marciapiedi, taglio erba, deiezioni canine. Piccola manutenzione del palazzo Britti che ospita il front office delle sentinelle.

«A seguito del buon riscontro avuto dalla cittadinanza e dai percettori nelle precedenti iniziative Puc, l’ultima iniziata a novembre con il gruppo dell’antidegrado, gli uffici delle Politiche Sociali hanno proseguito nella collaborazione con i cittadini attivando servizi il più possibile adatti alla zona», sostiene l’assessore alle Politiche Sociali, Adelchi Sulpizio, «l’amministrazione in questo modo si pone sempre più vicina al cittadino, uscendo dalle logiche di palazzo».

«La realizzazione di progetti sempre più adatti ed efficienti è possibile anche grazie alla presenza della nuova figura del coordinatore dei Puc che con i due tutor segue personalmente le persone coinvolte nei progetti, monitorando le attività, raccogliendo le presenze e accompagnandoli al servizio», prosegue il dirigente del settore Politiche per il Cittadino, Marco Molisani, «si dimostra l’impegno costante che il Comune ha profuso fin dall’esordio del Reddito di Cittadinanza risultando essere il primo Comune in assoluto in Italia a impiegare i percettori in lavori utili alla collettività».

«Il progetto è riuscito soprattutto grazie al dialogo continuo che i cittadini hanno con i ragazzi che effettuano il servizio», conclude la coordinatrice dei percettori RdC, l’assistente sociale Francesca De Maso, «con grande soddisfazione ho notato che i beneficiari vengono accolti con grande entusiasmo dai cittadini, che a loro volta si pongono come tramite per comunicare con le istituzioni». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Otto percettori del reddito di cittadinanza diventano "Sentinelle di quartiere" a San Donato

IlPescara è in caricamento