Attualità

Ex Montecatini, i rifiuti pericolosi arrivati fino alle sponde del fiume Orta

L'allarme è stato lanciato dagli ambientalisti del Forum H20 abruzzese, che denunciano la presenza dei rifiuti derivanti dall'ex Montecatini siano arrivati fino alle sponde del fiume a Bolognano

Le ceneri di pirite derivanti dalle attività dell'ex Montecatini sono arrivate fino alle sponde del fiume Orta, a Bolognano. La denuncia arriva dagli ambientalisti del Forum H20 abruzzese, che evidenziano come la conferma sia arrivata grazie alle analisi dell'Arta disposte dalla polizia provinciale dopo le segnalazioni partite nel 2017 proprio dagli ambientalisti della Stazione Ornitologica Abruzzese che denunciava la presenza di cumuli di rifiuti fra le case, ed auspica che il Ministero intervenga subito per un decreto di immediata bonifica del sito.

Il ministero dell'ambiente è il soggetto capofila per le procedure dei SIN ma procede al rallentatore (in realtà per molte questioni è letteralmente fermo). Siamo arrivati al punto che domani alle ore 10:30 è convocata una nuova riunione a Pescara presso la Regione Abruzzo, servizio rifiuti, in cui si dovrà valutare l'eventuale "modifica della proposta di modifica" del perimetro del SIN. Infatti la precedente proposta, tra mille peripezie burocratiche (mesi e mesi sono stati persi solo a causa di incongruenze tra i file inviati dalla Regione e i rilievi cartografici e catastali del Ministero; inoltre ci sono stati problemi nelle notifiche ai proprietari da parte del Comune), non ha ancora visto la luce e nel frattempo sono arrivati gli altri dati relativi alla contaminazione delle aree esterne

Una situazione definita dagli ambientalisti assurda, considerando che si parla di rifiuti con piombo ed arsenico sparsi fra le case e nelle acque del fiume, sottolineando come i tempi di intervento degli enti preposti siano troppo lunghi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Montecatini, i rifiuti pericolosi arrivati fino alle sponde del fiume Orta

IlPescara è in caricamento