rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Attualità

Il Consiglio ordini forensi Abruzzo sui vaccini a magistrati e personale tribunale: "Forte perplessità"

Non si placano le polemiche per la decisione della giunta regionale abruzzese di dare priorità al personale di Procure e tribunale che ha ricevuto la vaccinazione anti Covid-19

Anche il Consiglio ordini forensi Abruzzo critica la scelta della giunta regionale di inserire, con una delibera, il personale delle Procure della Repubblica e dei tribunali tra le categorie prioritarie nella campagna vaccinale anti Covid-19.
«Forte perplessità per una iniziativa che antepone la tutela di pochi a quella dei più fragili, quali gli anziani ed i portatori di gravi patologie», viene espressa dal Cofa, come riferisce Ansa Abruzzo, sul fatto che «è stata avviata la vaccinazione del "personale di giustizia", ovvero magistrati e personale di cancelleria». 

Il Cofa, come si legge in una nota, ricordando che «dall'iniziativa sono stati esclusi gli avvocati e praticanti», esprime «soddisfazione per il fatto che all'avvocatura abruzzese, pur se protagonista del "servizio essenziale della giustizia" in misura almeno pari ai magistrati e al personale di cancelleria, sia risparmiato l'imbarazzo di una priorità che si tradurrebbe di fatto in un privilegio, che in molti non comprenderebbero, sottolineando l'ovvia ma necessaria considerazione che non esiste giustizia senza avvocati».

A Pescara, come fa sapere il presidente del tribunale, Angelo Mariano Bozza, hanno ricevuto la somministrazione della dose sia i magistrati che il personale giudiziario. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Consiglio ordini forensi Abruzzo sui vaccini a magistrati e personale tribunale: "Forte perplessità"

IlPescara è in caricamento