rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Attualità

La Fp Cgil alla Asl: "Attuate le misure per reclutare personale in ospedali e pronto soccorso, situazione insostenibile"

Una lettera formale con cui la Funzione pubblica del sindacato chiede di dar seguito alla deliberazione e il bando con cui si prevedono assunzioni a Pescara, Penne e Popoli denunciando la "carenza cronica", i turni stressanti e le ricadute che la situazione crea anche nella qualità del servizio

Mettere in atto le misure già previste per reclutare il personale da impiegare nei presidi ospedalieri del territorio e in particolare in quello di Pescara, Penne e Popoli e rispondere a una carenza cronica che ha ricadute pesanti sia sugli operatori che sugli utenti. A chiederlo formalmente alla Asl con una nota inviata alla stessa è la Fp Cgil (Funzione pubblica).

I riferimenti sono in particolare alla deliberazione del 21 ottobre del direttore generale Vero Mitichelli per cui si prevede, tramite agenzia, l'impiego di 14 operatori socio sanitari per il pronto soccorso di Pescara, 2 per quelli di Penne e 8 per quelli di Popoli e all'avviso pubblico per titoli e prova pubblicato il 13 febbraio 2023 con cui si prevedeva l'assunzione sempre id operatori socio sanitari da assegnare ai tre ospedali.

Una richiesta quella del sindacato, inviata oltre che ai vertici Asl anche all'assessore regionale alla Sanità Nicoletta Verì con cui si chiede di “porre in essere, nonché di velocizzare senza indugio alcuni, tutte le iniziative e procedure atte al reclutamento del personale poiché i reparti, come è noto, sono in critica e strutturale sofferenza”.

Infermieri, oss e tutti gli addetti ai lavori, sottolinea la Fp Cgil, “sono sottoposti a turni di lavoro proibitivi e non sostenibili dal punto di vista dei carichi di lavoro che, inevitabilmente, riverberano anche sulla qualità del servizio sanitario reso e da garantire”. “Il continuo ricorso al lavoro straordinario e a turni di lavoro non adeguatamente coperti per mancanza di personale rischia di determinare sovraffaticamento e stress da lavoro, con pericolo di cagionare malanni e indisposizione al personale sottoposto a carichi di lavoro proibitivi e non sostenibili, con eventuale ulteriore peggioramento della già critica e conclamata situazione in essere”, incalza ancora il sindacato che chiede dunque di darsi da fare e nel minor tempo possibile perché si proceda dando seguito alla deliberazione di ottobre e il bando di febbraio procedendo alle nuove assunzioni nel minor tempo possibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Fp Cgil alla Asl: "Attuate le misure per reclutare personale in ospedali e pronto soccorso, situazione insostenibile"

IlPescara è in caricamento