Bussi, nuovi ricorsi di Edison per la bonifica: insorgono gli ambientalisti

Il Forum H20 degli ambientalisti insorge ed attacca i ministero per la decisione di revocare il bando per i lavori

Come prevedibile la Edison presenta una serie di ricorsi per evitare di dover pagare la bonifica della discarica di Bussi. A parlare il forum degli ambientalisti abruzzesi che torna ad attaccare il miniatero per la decisione di revocare il bando per i lavori di bonifica del sito.

Il 2 luglio scorso la Edison ha presentato l'ultimo ricorso ed ora la bonifica si allontana spiegano gli ambientalisti, aggiungendo che l'azienda non si è presentata al tavolo in commissione regionale per discutere del futuro della discarica:

L'avvocatura dello Stato nel suo stringato e, a nostro avviso, incredibile parere sulla revoca della gara aveva aveva prospettato una forma di autocensur⁷a preventiva per lo Stato. Della serie, se si fanno i lavori anticipando i fondi pubblici è difficile riprendere i soldi da Edison, nonostante il principio "Chi inquina paga".

Ora il forum auspica un pronto e vigoroso intervento della Procura per risolvere la questione ed arrivare finalmente all'avvio della.bonifica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

Torna su
IlPescara è in caricamento