rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Calcio

Pescara-Avellino: le pagelle dei biancazzurri

La vittoria fa scattare automaticamente una media voto più alta ma in linea generale la prestazione del collettivo non ha ancora raggiunto livelli di piena soddisfazione. Alcune conferme garantiscono sicurezza e continuità di rendimento. I cambi effettuati da Zeman sono risultati decisivi

FIORILLO: Copre bene lo specchio da ogni angolazione, legge bene le traiettorie aeree e compie un paio di interventi con scatto felino e prontezza di riflessi. Oltre a questo, sembra mettere i difensori nelle condizioni di giocare con maggiore disinvoltura. O forse è il contrario, ma sta di fatto che è inappuntabile: VOTO: 7

ZAMPANO: Sul gol dell'Avellino resta imbalsamato, mettendo nelle condizioni Bidaoui di mirare al bersaglio senza essere disturbato. Un episodio che lo condiziona a tal punto da commettere un grossolano errore sotto porta. Si riscatta parzialmente quando con abilità riesce ad indirizzare il pallone vincente sui piedi di Mancuso. Prestazione comunque da dimenticare: VOTO: 5

BOVO: E' tornato ad essere il giocatore che tutti si aspettavano. Impeccabile per lunghi tratti della contesa, efficacissimo in marcatura e sempre attento a coprire la posizione. Si disimpegna in maniera perfetta ogni qual volta riconquista un pallone e quando il pressing irpino diventava incessante. Senza dimenticare lo stoico intervento che salva porta e risultato. VOTO: 7,5

PERROTTA: Con un compagno così, tutto diventa più semplice. Nulla toglie però i meriti di questo ragazzo che a volte non emerge per delle giocate straordinarie e spettacolari, ma ai più attenti non sfugge il lavoro in ombra che è utilissimo alla giusta causa della squadra. Difensore ostico e scorbutico che pochi attaccanti sono in grado di sormontare. VOTO: 7

MAZZOTTA: Stavolta si è un tantino risparmiato, rinunciando alla spinta progressiva per tutto il primo tempo. Sommatamente, una prova che non è da buttare via, nonostante un ruolo da comparsa e non da protagonista. Non è mai presente sul nostro taccuino, ma al tempo stesso non registriamo nemmeno errori individuali degni di nota. C'è da essere moderatamente soddisfatti. VOTO: 6

PESCARA-AVELLINO 2-1 | LA CRONACA

BRUGMAN: Per buona parte della gara è condizionato dalla prestazione indecorosa di Kanouté e non può mai concedersi il lusso di osare e sganciarsi in avanti. Quando poi è avvenuto il cambio, ecco che torna a fare il direttore d'orchestra eseguendo il giusto spartito in un crescendo rossiniano. Ruolo a lui congeniale, ma che frena un po' la sua naturale predisposizione alla fase d'attacco. VOTO: 7

KANOUTE': Andava sostituito già all'intervallo. Completamente fuori fase. E' come se giocasse d'istinto senza ragionare. Superficiale in fase di appoggio, sbaglia tutto e di più rischiando di compromettere l'andamento della gara. Una bocciatura che non ammette repliche, visto che non mancano i validi sostituti. Rischia di fare la fine di Koulibaly e marcire in panchina. VOTO: 4,5

VALZANIA (dal 67'): Fresco, pimpante, propositivo. Il suo ingresso innesta la marcia superiore che accelera la manovra e crea predominio territoriale. In quell'ultima mezz'ora di gioco si è visto un Pescara capace di impostare e mettere alle corde l'avversario. Purtroppo la piazza tende sempre a fare paragoni con il passato, ma la rosa attuale non è composta da elementi di elevato spessore. Valzania però ha i numeri per diventare una stella. VOTO: 7

PALAZZI: Si è capito che non è un semplice rincalzo, ma un giocatore di sicuro affidamento. Come tutti, deve migliorare ancora molto ed imparare soprattutto a rispettare la regola fondamentale del gioco di Zeman, fatto di due passaggi e via. L'importante è indovinare il lancio e non gettare la palla in avanti senza un criterio ben preciso. Rispetto a chi giocava precedentemente al posto suo, ne esce sicuramente vincitore. VOTO: 6

MANCUSO: Non abbiamo dubbi. E' lui la vera forza di questo Pescara. Lo ha dimostrato anche stavolta, tenendo presente che non ha ancora fatto la vera differenza. Chi lo conosce bene sa quanto vale e col tempo si ritaglierà il suo spazio da incorniciare. Segnerà tanto e ancora e farà altrettanto per i compagni. Anche sul gol vittoria c'è il suo zampino. VOTO: 7,5

PESCARA-AVELLINO: I PRECEDENTI

PETTINARI: Tornato al gol, si è finalmente scrollato dal peso che lo ha condizionato nelle ultime prestazioni. Ma un bravo attaccante non si giudica solo dallo score, ma dai movimenti senza palla, dai ripiegamenti, dalla forza di controllare palloni spalle alla porta e trascinarsi difensori. In questo lui non si discute. La generosità e l'impegno dimostrato in ogni partita lo premiano, indipendentemente dal bilancio realizzativo. VOTO: 6,5

BENALI: Sta passando troppo tempo, ma non sembra ancora pronto a dare un'impronta ben marcata nel tridente d'attacco. Nel prepartita il mister ha dichiarato candidamente che in questo momento lo preferisce a Capone in quanto più pronto. Se questi sono i risultati, siamo messi maluccio in quel reparto. Si sveglia però nella ripresa con qualche giocata delle sue. ma è poca cosa rispetto a quello che può garantire. VOTO: 6

DEL SOLE (dal 79'): Juve, maglia azzurra, situazione sentimentale. Tutti fattori che stordiscono un ragazzino alle prime armi che attraversa la delicata fase dello svezzamento. Il suo ingresso comunque favorisce la costruzione delle giocate offensive anche se non va caricato di troppe responsabilità. Sembra tra i pochi calciatori che hanno assimilato gli schemi e i movimenti che chiede l'allenatore. Un quarto d'ora da valutare positivamente. VOTO: 6

ZEMAN: Vince alla distanza e con distacco il confronto con un altra vecchia volpe del calcio cadetto. Sostituzioni indovinate e effettuate al momento giusto. Niente gioco ostruzionistico, a differenza di Novellino. Consapevole del fatto che sta ottenendo il massimo con il materiale umano a disposizione. Intanto è lì, con le prime. E se la giocherà fino all'ultimo. garantito. VOTO: 7,5 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara-Avellino: le pagelle dei biancazzurri

IlPescara è in caricamento