L'assessore Verì precisa: "Nessuna confusione o contraddizione sui dati dei ricoveri Covid"

L'assessore regionale alla sanità spiega che l'impennata di ricoveri del fine settimana ha portato nelle ultime ore alla saturazione dei posti letto nei reparti di malattie infettive

Nessuna contraddizione o confusione fra le dichiarazioni del presidente Marsilio e quelle dell'assessore Verì. Lo ha specificato lo stesso assessore regionale alla sanità specificando che fra venerdì e domenica ci sono stati 66 ricoveri di pazienti con tampone positivo al Covid. Un'impennata improvvisa ed imprevedibile che ha saturato i posti riservati ai pazienti della pandemia come ha riferito Marsilio ieri a Skytg24. Questo però non significa che non ci sono più posti per accogliere i malati:

Sono infatti immediatamente scattati i protocolli di sicurezza per la rimodulazione temporanea dei posti letto in altri reparti della nostra rete, così come avvenuto nella prima fase dell’emergenza. Spiace dover continuamente fare precisazioni per rispondere alle polemiche del centrosinistra: l’azione del governo regionale, fin dall’insediamento, è improntata alla massima trasparenza e continueremo a spiegare ogni giorno agli abruzzesi come stanno le cose, senza nascondere nulla

L'assessore ricorda che la Regione è sempre al lavoro per cercare di gestire la situazione di fronte all'evoluzione della pandemia, evidenziando come i disagi, avvenuto soprattutto in aree dove ci sono stati centinaia di contagi in poche, sono dovuti ad un'emergenza sanitaria senza precedenti negli ultimi 100 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per il Tg1 l'Abruzzo diventa "#zonarozza": la gaffe spopola sul web

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Cerbiatto corre sul lungomare sud di Pescara, il video fa il giro del web

  • Furto d'identità a Pescara, il caso finisce a "Le Iene" [VIDEO]

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Ha i sintomi del Covid dopo la positività del coinquilino ma il tampone arriva dopo 20 giorni, il racconto di un pescarese

Torna su
IlPescara è in caricamento