rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Politica

Testa (Fdi) sul raddoppio della ferrovia Pescara Roma: "Opera irrinunciabile, vanno limitati i danni ai residenti"

Il capogruppo regionale di Fratelli d'Italia interviene in merito al progetto di Rfi contestato dai residenti e dalle amministrazioni comunali dei comuni interessati

Il raddoppio della ferrovia Pescara - Roma per l'alta velocità è un'opera irrinunciabile per l'Abruzzo, ottenuta grazie alla concretezza di Marsilio, ma vanno assolutamente ascoltate le proteste e le istanze dei residenti per cercare di limitare i danni. Lo ha detto il capogruppo alla Regione di Fratelli d'Italia Guerino Testa, che interviene nel dibattito che si è acceso ormai da settimane per il progetto di Rfi che ha visto le dure critiche dei residenti di Chieti Scalo, Manoppello, San Giovanni Teatino, Alanno e Scafa per la possibilità che il nuovo binario possa di fatto spaccare a metà i centri urbani e causare problemi di sicurezza peggiorando anche la qualità della vita.

Testa comprende le preoccupazioni espresse per i lavori, con un impatto significativo sul tessuto urbano ma ricorda che ci si trova di fronte ad un'opera fondamentale ricordando i meriti del governo Marsilio che ha avuto a capacità e la lungimiranza di interloquire e condividere con il Ministero competente una infrastruttura attesa da moltissimo tempo e sulla quale l’Abruzzo si dovrà far trovare pronto.

"Siamo consapevoli che ogni qualvolta ci si appresti a realizzare un’opera pubblica di tale portata è quasi impossibile che non esista un “dazio” da pagare per il territorio.  La volontà della Regione Abruzzo è che venga mitigato al massimo il sacrificio richiesto alle aree interessate e, quindi, si cercherà in tutte le sedi di valutare eventuali progetti alternativi, come quello sostenuto dal comitato intercomunale “Comferr” che appare presentare indubbi vantaggi, scongiurando l’abbattimento di numerose abitazioni private e non.

Sono certo che l’ incontro in programma, il prossimo 8 febbraio, con Marsilio ed il dibattito pubblico del 9, assicurino un’utile dialettica fra le parti coinvolte e rappresentino un’ottima occasione per un proficuo confronto sul tema, perché occorre non lasciare nulla d’intentato e consentire la migliore attuazione possibile del principio dello sviluppo sostenibile, per non compromettere la qualità della vita anche delle generazioni future”.

Ricordiamo che nei giorni scorsi Rfi aveva aperto alla possibilità di modifiche del tracciato dopo il consiglio straordinario convocato a Chieti al quale hanno partecipato anche le amministrazioni degli altri Comuni coinvolti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Testa (Fdi) sul raddoppio della ferrovia Pescara Roma: "Opera irrinunciabile, vanno limitati i danni ai residenti"

IlPescara è in caricamento