rotate-mobile
Politica Montesilvano

I parlamentari della Lega sullo spacciatore di droga che percepiva il reddito di cittadinanza: "Rivedere norme di erogazione"

I parlamentari abruzzesi della Lega intervengono dopo l'operazione della guardia di finanza che ha sequestrato 45 chili di marijuana in una casa di Montesilvano e arrestato lo spacciatore che percepiva il sussidio governativo

Rivedere le norme di erogazione del reddito di cittadinanza.
A chiederlo sono i parlamentari abruzzesi della Lega dopo l'arresto di uno spacciatore che in una casa di Montesilvano nascondeva 45 chili di droga, marijuana nello specifico.

«Ennesima truffa del reddito di cittadinanza», scrivono i leghisti, «questa volta, accusato di percepire indebitamente il sussidio uno spacciatore. Grazie all’ottimo lavoro della guardia di finanza di Pescara sono stati sequestrati a casa del presunto pusher 45 chili di marijuana per un valore di 500 mila euro. All'uomo, inoltre, è stato revocato il Rdc, percepito indebitamente. La Lega chiede da ormai troppo tempo la revisione delle norme di erogazione: gli aiuti devono andare solo a persone bisognose o in cerca di una reale occupazione».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I parlamentari della Lega sullo spacciatore di droga che percepiva il reddito di cittadinanza: "Rivedere norme di erogazione"

IlPescara è in caricamento