rotate-mobile
Politica

Masci e il futuro di Pescara: "Questa città non è abituata a piangersi addosso"

Il mondo, ricorda il sindaco del capoluogo adriatico, "sta cambiando velocemente, anche troppo velocemente, Pescara ha il cambiamento nel suo Dna"

Pescara "è sempre stata una città che ha saputo credere nei propri sogni, una città che ha vissuto i cambiamenti con spirito garibaldino, che non si è mai seduta sulle comodità esistenti, figuriamoci se non può farlo ora che, dopo due anni di pandemia e con una crisi umanitaria in corso, le comodità del passato sono state spazzate via". Ne è convinto il sindaco Carlo Masci, che questa mattina ha pubblicato, sul proprio profilo Facebook, una riflessione sul futuro del capoluogo adriatico.

Il mondo, ricorda Masci, "sta cambiando velocemente, anche troppo velocemente, Pescara ha il cambiamento nel suo Dna, Pescara è cambiamento dalla sua nascita, non può neanche immaginare di affrontare in maniera timorosa le novità". Di conseguenza, conclude il sindaco, "dobbiamo dotarci degli strumenti giusti per vincere le sfide che ci si presentano davanti. Questa è Pescara, una città che non è abituata a piangersi addosso, una città che guarda sempre verso l'orizzonte. Io ci credo, tutti dobbiamo crederci".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Masci e il futuro di Pescara: "Questa città non è abituata a piangersi addosso"

IlPescara è in caricamento