menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il consigliere comunale Carlo Masci

Il consigliere comunale Carlo Masci

Masci: “Alessandrini e la sua giunta sembrano i giocatori delle tre carte”

Il leader di Pescara Futura, consigliere comunale, critica duramente il sindaco: "C'è sempre uno che perde, il pollo di turno che pensa di essere più furbo di quei furbetti dell'asso di denari"

“Alessandrini e la sua giunta appaiono sempre più come i giocatori delle tre carte che troviamo fuori dalle stazioni delle grandi città. Carta vince, carta perde. C'è sempre uno che perde, il pollo di turno che pensa di essere più furbo di quei furbetti dell'asso di denari. Prima le ordinanze fantasma, poi il ponte del cielo, a seguire la ruota abusiva, ora il concerto per i cetacei. C'è sempre un filo conduttore che lega queste vicende. Il tentativo di forzare le regole, la convinzione che l'inganno sia il percorso più semplice per raggiungere un obiettivo, una sorta di mix pericoloso di gioco delle ambiguità e di miraggio di impunità per ogni attività svolta”.

È quanto afferma, in una nota, il consigliere comunale Carlo Masci, leader di ‘Pescara Futura’.

“Alessandrini, votato dai pescaresi "perché è una brava persona", sta dimostrando tutti i suoi limiti e il suo deficit culturale amministrativo proprio in quelli che erano stati i suoi punti di forza agli occhi della gente, l'onestà e il rispetto delle regole – aggiunge Masci – Ma chi ci perde in tutto questo? Pescara e i pescaresi! L'ordinanza fantasma ha distrutto l'immagine della città e il comparto economico turistico; il ponte del cielo è stato bocciato perché rovinava un'area di tutela ambientale e culturale; la ruota, che doveva essere l'evento dell'estate, è tristemente ferma, nel silenzio di chi doveva controllare e non l'ha fatto, a rappresentare l'incapacità di organizzare iniziative dentro un alveo di legalità; il concerto della Mannoia da testimonial della Notte Bianca è diventato il simbolo dell'improvvisazione e lo stereotipo del levantinismo italiano agli occhi dell'UE”.

Masci conclude ponendosi una domanda: “Quando Alessandrini capirà che i pescaresi non possono continuare ad assistere a questo triste spettacolo, che stanno pagando amaramente con il declino della città in un buco nero fatto di degrado e falsità?”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento