rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Politica

Cappato (Associazione Coscioni) raccoglie firme sul fine vita in piazza Italia: "Lo faremo anche senza autorizzazione"

L'esponente radicale, che sarà a Pescara martedì 16 maggio, dalle ore 11:30, per la petizione sulla proposta di legge regionale “Liberi Subito”, attacca il sindaco Masci: "Non ci ha fatto sapere niente"

Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, arriva a Pescara in sostegno della campagna di raccolta firme sul fine vita e non manca di polemizzare con il sindaco. Nei giorni scorsi, infatti, l'esponente radicale aveva inviato una lettera aperta a Carlo Masci per chiedere di interrompere “la violazione in atto dei diritti civili e politici nella sua città”, dove non era ancora stato possibile ottenere un regolare permesso per allestire un tavolo di petizione. Il sindaco aveva poi rassicurato a mezzo stampa l’associazione sulla possibilità di ottenere lo spazio in maniera gratuita, ma ad oggi la Coscioni non ha ancora ricevuto l’autorizzazione da parte del Comune per stazionare in piazza Italia.

Risultato? L’evento si terrà comunque. L’appuntamento è per domani, martedì 16 maggio, dalle ore 11,30. Mancano due settimane al termine ultimo per la raccolta di 5.000 firme di cittadini abruzzesi sulla proposta di legge regionale di iniziativa popolare "Liberi subito", in tema di aiuto medico alla morte volontaria: una proposta che è aperta all’adesione di tutti i partiti, associazioni e sindacati. La campagna 'Liberi Subito' è in stato avanzato in regioni come Piemonte, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia, e si è già conclusa con il raggiungimento delle firme necessarie in Veneto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cappato (Associazione Coscioni) raccoglie firme sul fine vita in piazza Italia: "Lo faremo anche senza autorizzazione"

IlPescara è in caricamento