menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Approvata la legge per la riduzione delle indennità dei consiglieri

E' stata approvata ieri notte dal Consiglio Regionale la legge riguardante la riduzione delle indennità dei consiglieri regionali abruzzesi

E' stata approvata ieri notte, all'unanimità, la legge che prevede una riduzione delle indennità percepite dai consiglieri regionali abruzzesi.

Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, il Presidente del Consiglio Regionale Pagano ha illustrato i dettagli del testo, sottolineando come l'Abruzzo sia la prima regione in Italia che ha un Testo Unico organico in materia.

"Questa legge costituisce il primo e fondamentale momento di quel processo di riordino e di buona qualità della legislazione, intrapreso dal Consiglio regionale anche con l'approvazione della recente legge sulla qualità della legislazione" ha aggiunto Pagano.

Nell'immediato ci sarà una riduzione del 10% delle indennità dei consiglieri, mentre a partire dalla prossima legislatura, l'indennità sarà del 55% per i Deputati, mentre ora la quota è fissata al 65%.

Inoltre, è prevista una penale pari al doppio del'importo della singola presenza per ogni giornata di assenza nel corso del mese.

L'assegno vitalizio verrà percepito a partire dai 65 anni (attualmente il limite era 60 anni); la legge prevede inoltre una riduzione dell'assegno vitalizio, determinato sul 75% dell'indennità mensile percepita dai componenti della Camera dei Deputati anziché sull'85% della precedente legge.

L'assegno vitalizio verrà sospeso anche se l'ex consigliere viene nominato come assessore esterno alla Giunta di qualsiasi regione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento