rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Politica

Focolaio Covid nel reparto di Ortopedia, interpellanza del consigliere Blasioli che chiede un'indagine interna

L'esponente democratico ritiene inaccettabile che si verifichino gli stessi errori di marzo 2020

Un'interpellanza del consigliere regionale del Pd, Antonio Blasioli, per il focolaio di Covid-19 (Coronavirus) nel reparto di Ortopedia dell'ospedale di Pescara.
«È inaccettabile che a quasi un anno di distanza dall’inizio della pandemia si continuino a commettere gli stessi errori di marzo 2020», sottolinea il consigliere del partito democratico.

Blasioli ha preparato un'interpellanza allo scopo di ottenere risposte certe e urgenti dal presidente Marco Marsilio e dall'assessore alla Sanità, Nicoletta Verì.

«I cittadini devono avere risposte ed è necessario che l’assessore Verì avvii un’indagine interna all’ospedale di Pescara per comprendere le cause del focolaio Covid», aggiunge Blasioli, «a seguito dei contagi registrati fra i pazienti del reparto, infatti, sono stati bloccati i ricoveri e i nuovi ingressi dirottati sugli ospedali di Penne e Popoli. Una situazione che si era già registrata lo scorso anno, sempre nello stesso reparto, ma che oggi, dopo mesi a studiare protocolli sanitari e muniti dei Dpi e di tutte le informazioni necessarie per contenere il virus, e soprattutto con l'ospedale Covid a disposizione, non è più comprensibile. Sono tante le domande a cui bisogna dare una risposta, per comprendere come ciò sia stato, ancora una volta, possibile».

L'obiettivo di Blasioli è capire come sia arrivato virus nel reparto visto che le visite esterne non sono ammesse: «I pazienti sono stati tutti sottoposti a tampone prima di essere operati? Gli operatori sanitari sono sottoposti a tampone con periodicità? I pazienti, prima di essere ricoverati, ricevono il risultato del tampone fatto all’ingresso dell’ospedale? La gestione interna del reparto, guidata dal primario Rocco Erasmo (che fa parte della task force dell’assessore Verì per fronteggiare l’emergenza coronavirus) è attenta e scrupolosa nel rispetto dei protocolli di sicurezza? Qual è stata la falla?», si chiede l'esponente democratico.

«Come consigliere regionale userò tutti gli strumenti che la legge mette a mia disposizione per andare a fondo a questa questione, per capire quali siano stati gli errori e, soprattutto, per far sì che davvero non si ripetano mai più», conclude Blasioli, «oltre all’interpellanza, ho chiesto di conoscere tutti i dati degli ingressi al reparto e le date di esecuzione del tampone e la relativa comunicazione prima dell’esecuzione di eventuali operazioni. Non solo. In questa emergenza, come già accaduto nella fase 1, i piccoli presidi ospedalieri dell’entroterra abruzzese si sono rivelati fondamentali per gestire la crisi, basti pensare che i nuovi pazienti sono stati subito trasferiti negli ospedali di Popoli e Penne. Questo dimostra come gli ospedali periferici siano una risorsa imprescindibile, su cui continuare a puntare specialmente in questo momento, con la pandemia ancora in corso. Colgo l’occasione per ringraziare tutti gli operatori sanitari che ogni giorno, da quasi un anno ormai, mettono a rischio loro stessi per sconfiggere questo maledetto virus e penso che proprio per loro, oltre che ovviamente per tutta la cittadinanza che da mesi rispetta regole ferree per uscire quanto prima da questa terribile situazione, non possiamo più accettare che vengano commessi simili errori».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Focolaio Covid nel reparto di Ortopedia, interpellanza del consigliere Blasioli che chiede un'indagine interna

IlPescara è in caricamento