rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Politica Montesilvano

L'ex sindaco Enzo Cantagallo è il nuovo segretario del Pd di Montesilvano

E' stato eletto con 182 voti. Durissimo Daniele Licheri, Segretario Regionale Si: "Non posso che provare amarezza. Sembra proprio che si torni sempre indietro, la risposta politica del Partito Democratico è conservativa, con la testa completamente girata all'indietro"

Con 182 preferenze l'ex sindaco di Montesilvano Enzo Cantagallo è stato eletto segretario cittadino del Partito Democratico. L'assemblea degli iscritti lo ha votato con la maggioranza di un terzo degli iscritti al circolo cittadino. Sconfitta la segretaria uscente Romina Di Costanzo.

Per Cantagallo si tratta di un rientro in grande stile dopo lo stop impostogli dalle vicende giudiziarie che lo avevano coinvolto a partire dal 2006. L'ex sindaco era riapparso sulla scena politica locale già da qualche tempo organizzando alcuni convegni sul tema della fusione tra PescaraMontesilvano e Spoltore.

Tuttavia, come prevedibile, è scoppiata la polemica specialmente all'interno della coalizione di centrosinistra. Ecco cosa ha dichiarato Daniele Licheri, Segretario Regionale Si Abruzzo:

"Non amo commentare i congressi degli altri partiti, non è nel mio stile, la democrazia è l'autonomia delle decisioni degli iscritti vanno accettate sopratutto quando le regole vengono rispettate. Ma non posso che provare amarezza nell'elezione di Enzo Cantagallo a segretario del Pd di Montesilvano. Sembra proprio che si torni sempre indietro, l'amministrazione vira sempre più a destra e la risposta politica del Partito Democratico è conservativa, con la testa completamente girata all'indietro. Guarda ad anni bui il cui il centrosinistra ha prodotto le peggiori speculazioni edilizie e in cui c'era la massima ambiguità nei rapporti tra pubblico e privato, quei primi esperimenti in cui il cosiddetto centro-sinistra non faceva il suo mestiere ma rincorreva la destra e perdeva la bussola della cura del territorio. Un passaggio politico che conferma purtroppo, che il laboratorio a sinistra costruito anni fa insieme ad Attilio Di Mattia era la strada corretta e che nella quarta città d'Abruzzo per numero di abitanti, ad oggi è il deserto (politico). Questo ovviamente rende ancora più urgente accelerare una ricomposizione a sinistra per mettere in piedi una proposta radicalmente alternativa alle destre populiste e xenofobe di Aliano e ai personaggi da prima repubblica del Partito Democratico. Non moriremo razzisti ma nemmeno democristiatiani. Montesilvano merita di meglio e noi proveremo a costruirlo con chi vorrà".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ex sindaco Enzo Cantagallo è il nuovo segretario del Pd di Montesilvano

IlPescara è in caricamento