rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Elezioni

Due candidati alle regionali sarebbero "impresentabili" in base alle verifiche della commissione antimafia

Dopo i controlli sulla presenza di cosiddetti "impresentabil" nelle liste per le elezioni regionali del prossimo 10 marzo in Abruzzo sono emersi due nomi

Sono due i nomi di altrettanti candidati segnalati dalla commissione parlamentare Antimafia in seguito ai controlli sulla presenza di cosiddetti "impresentabili" nelle liste per le elezioni regionali del prossimo 10 marzo in Abruzzo.
Come informa l'agenzia LaPresse, ad annunciarlo è la presidente della commissione, Chiara Colosimo, in apertura di seduta a palazzo San Macuto, all’esito delle verifiche svolte dalla commissione.

«Risultano in violazione del codice di autoregolamentazione due candidature», ha detto Colosimo. Si tratta dei candidati al consiglio regionale «Simona Fernandez (Avs-Abruzzo Progressista e Solidale), e Vincenzo Serraiocco (Nm)».

A rischio sono «la candidatura di Fernandez Simona, candidata al consiglio regionale per la lista Alleanza verdi sinistra - Abruzzo progressista e solidale. Per la predetta candidata risulta disposto il giudizio con decreto del Gip del tribunale di Taranto (dibattimento in corso di svolgimento), per il reato di cui agli articoli. 110, 356 codice penale (concorso nel reato di frode nelle pubbliche forniture), in violazione dell'articolo 1, comma 1, lettera b) del codice di autoregolamentazione» e «la candidatura di Serraiocco Vincenzo, candidato al consiglio regionale per la lista Noi moderati. Nei confronti del predetto con decreto del Gup del tribunale di Pescara è stato disposto il giudizio (dibattimento in corso di svolgimento) per il reato di cui agli articoli. 81, 110 codice penale, 216, comma 1 e 2 e 223, legge fallimentare (concorso in reato continuato di bancarotta fraudolenta) in violazione dell'articolo 1, comma 1, lettera o) del codice di autoregolamentazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due candidati alle regionali sarebbero "impresentabili" in base alle verifiche della commissione antimafia

IlPescara è in caricamento