rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Politica

Napoli calcio, Marcozzi (Gruppo misto) sull'archiviazione dell'inchiesta: "Certificati i dubbi di legittimità"

La consigliera regionale commenta la decisione della corte dei conti sottolineandone alcuni passaggi da cui si evince, afferma, che sulla procedura i dubbi restano: nessuna risoluzione per evitare il lievitare dei costi

Due passaggi del decreto di archiviazione della corte dei conti sulla vicenda del Napoli calcio lascerebbero aperti dubbi sulla legittimità del procedimento adottato.

A dichiararlo è la consigliera Sara Marcozzi, oggi nel gruppo misto e al tempo tra gli esponenti del Movimento 5 stelle che fecero la segnalazione da cui scaturì l'inchiesta ora archiviata. Nel prendere atto della decisione, Macozzi sottolinea come “la lettura del dispositivo non sembra affatto fugati i dubbi che ho evidenziato sulla legittimità della procedura negoziata senza bando utilizzata per stipulare l'accordo, e sull'urgenza non dimostrata” riferendosi in particolare al passaggio del decreto della corte in cui si legge, riferisce, della “persistenza di dubbi di legittimità riguardo alla procedura seguita e la pretesa ed indimostrata urgenza”. Un passaggio che, incalza Marcozzi, “deve essere reso noto agli abruzzesi. Ritengo questa un'ulteriore dimostrazione che la mia denuncia, e la seguente richiesta di intervento degli organi preposti al controllo, fosse più che giustificata. La decisione della corte, si legge nel dispositivo, parrebbe essere stata orientata sulla base di dati sui flussi turistici forniti nelle controdeduzioni dai soggetti indagati”. Non solo, alla base della decisione anche l'intenzione di “il rischio di risoluzione anticipata del contratto con il Napoli perché, si legge nella sentenza 'L’evoluzione dei prezzi da un lato e la crescita reputazionale della società del Napoli negli ultimi mesi induce a ritenere non sussistente il rischio che la prolungata durata delle condizioni contrattuali si risolva necessariamente a danno del contraente Regione Abruzzo'”.

“Ciò che deduco dalla lettura del decreto di archiviazione è che la giunta regionale abbia giocato d’azzardo scommettendo sul Napoli a mezzo procedura di dichiarata dubbia legittimità e non dimostrata urgenza, ma alla fine sia stata graziata dalla fortuna. Contenti loro”, conclude Marcozzi dopo la soddisfazione espressa per l'esito del procedimento dal presidente della Regione Marco Marsilio e l'ex assessore regionale Mauro Febbo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Napoli calcio, Marcozzi (Gruppo misto) sull'archiviazione dell'inchiesta: "Certificati i dubbi di legittimità"

IlPescara è in caricamento