rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Politica

Italia nuovamente divisa in zone per il Coronavirus, Marsilio: "Dare certezza delle regole, no a nuovi meccanismi"

Il presidente della giunta regionale abruzzese riferisce della riunione avuta con i ministri Speranza e Boccia in relazione alla suddivisione in zone dell'Italia

«Dare certezze, no a nuovi meccanismi e d'accordo a rivedere le soglie minime».
Questa la posizione del presidente della giunta regionale abruzzese, Marco Marsilio, espressa nel corso della riunione Governo-Regioni riguardo alle ipotesi formulate dai ministri Roberto Speranza (Sanità) e Francesco Boccia (Affari Regionali) per la divisione in zone dell'Italia dal 7 gennaio.

«Ho chiesto al Governo di non stravolgere un’altra volta le regole a cui famiglie e imprese hanno cercato di adeguarsi e sulle quali stanno da settimane cercando di programmare il loro futuro», spiega Marsilio, «la posizione dell’Abruzzo è che bisogna dare un quadro di stabilità che consenta di affrontare il prossimo futuro con un minimo di prospettive. Dal 7 gennaio occorre tornare alla disciplina pre-natalizia che prevede la divisione in tre fasce. Ho condiviso, come tutti i miei colleghi, la proposta di abbassare le soglie di Rt previste per il passaggio da gialla a arancione e poi a rossa (portando i limiti oggi previsti a 1,50 e 1,25, rispettivamente a 1,25 e 1,00). Ma un conto è fare una ‘manutenzione’ dello strumento anche sulla scorta dell’esperienza fatta, altro sarebbe cambiare un’altra volta in corsa le "regole del gioco"».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italia nuovamente divisa in zone per il Coronavirus, Marsilio: "Dare certezza delle regole, no a nuovi meccanismi"

IlPescara è in caricamento