Sabato, 16 Ottobre 2021
Politica

Sindaco su provvedimenti per aggressione allo Scumm: "I nodi vengono al pettine"

Esprime soddisfazione Marco Alessandrini, parlando di uno "sgradevole episodio di violenza, inutile e gratuita, avvenuto a maggio ai danni di due ragazzi rei di avere idee diverse da chi per affermarle usa le botte"

“I nodi vengono al pettine e ciò è accaduto anche per lo sgradevole episodio di violenza, inutile e gratuita, avvenuto a maggio ai danni di due ragazzi frequentatori del circolo Scumm di via delle Caserme, rei di avere idee diverse da chi per affermarle usa le botte. I responsabili di quell’aggressione di stampo fascista sono stati individuati e per entrambi oggi c’è l’obbligo di dimora nei Comuni di appartenenza, Pescara e Silvi”.

Così in una nota il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, commenta i provvedimenti odierni eseguiti dalla Digos a carico dei due responsabili dell'aggressione allo Scumm avvenuta lo scorso 21 maggio.

"Voglio ringraziare le forze dell’ordine - aggiunge il primo cittadino - perché questi provvedimenti saranno sicuramente da monito per quanti sono invece convinti che per affermare le proprie idee serva la violenza. Ne sono grato anche perché a Pescara le regole ci sono e vanno rispettate: a me non piace una città dove si pestano le persone inneggiando al fascismo, né che riporti atmosfere degli anni '70, stagione di forte contrapposizione ideologica che ha visto molti ragazzi pagare anche con la vita le proprie idee. Di questo non abbiamo bisogno, abbiamo bisogno di essere inclusivi, abbracciare e dare esempi positivi di accoglienza, perché la diversità è ricchezza e perché un modello che ha causato sofferenza, morti e guerre di certo non è un buon orizzonte, né un esempio per un futuro migliore".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sindaco su provvedimenti per aggressione allo Scumm: "I nodi vengono al pettine"

IlPescara è in caricamento